............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

mercoledì 4 gennaio 2012

Parole, parole, parole ...

Articolo di Nella Crosiglia 

Miei cari questo benedetto 2012 è arrivato, ed io pur non essendo superstiziosa, diciamo sono molto vicina alla scaramanzia. Quindi per la seconda volta (ieri uno sbalzo di corrente mi ha fatto perdere tutti i dati dell'invio e-mail...), mi accingo a raccontarvi qualcosa di leggero, lontano dai pranzi luculliani di queste ultime ore e dai festeggiamenti imposti. 

Cerchiamo di sdrammatizzare ed inoltriamoci nel gossip, musicale s'intende, per non cadere proprio in basso e non farci male! Dunque iniziamo dallo zio Bruce, che silenzio dopo silenzio, ci fa ancora di più ricordare la sua presenza.  Nulla di nulla nei siti ufficiali sul suo album che avrebbe dovuto chiamarsi "Arcade at night", ed uscire prima a novembre, poi a dicembre ed infine in primavera. Senza parlare della sostituzione dell'adorato Clarence, che vede schierati prima uno dei figli di Big Man, poi, un componente della Seeger Session, infine un intero coro di fiati e chi più ne ha più ne metta. Mi sembra di vedere il caro Bruce, da buona bilancina, prepararci, in una maniera o nell'altra, una delle sue solite sorprese che ci faranno venire  i brividi. Auguriamocelo! 

Parole, parole e parole ... altra novità ... Roger Daltrey,   cantante storico degli " Who" sta per mettere in piedi il rifacimento di Tommy, datato 1967, creatura del fondatore del gruppo, il camaleontico e misterioso Pete Townshend  e portato in celluloide dall'istrionico regista Ken Russel ... Difficile non ricordarlo, difficile dimenticare quello strano ragazzo riccioluto che ci stupiva con la sua storia maledetta. Ci chiediamo che parte possa fare Daltrey, non perchè io sia contraria alle performances "mature" , ma spero solo mantengano un po' di dignità e si riesca a trovare il personaggio giusto che ci faccia ancora sobbalzare i cuori! 


Pe riparlare di ragazzi, eccoli di nuovo pronti a deliziarci, per gli appassionati del genere  favolistico surreale i Van der Graaf Generator, band figlia di Peter Hammil, più volte rimaneggiata nel corso degli anni, ma famosa per il suo organista Hugh Bunton (e badate bene non ho pronunciuato il nome tastierista), che laureato in ingegneria creò un organo capace di produrre due note simultaneamente , per dare maggior enfasi alla melodia. Tutto questo supportato da ben due sax dell'istrionico David Jackson, che suonava gli strumenti contemporaneamente, in sintonia con l'organo. Ora io mi chiedo, cosa ci prepareranno di nuovo questi dinosauri del rock? E, come tutti sappiamo i Deep Purple insegnano ...

Certo sempre parole, parole e parole sono, perchè sapete voi da dove arriva la particolarità della musica dei Pink Floyd? Questa strana band fatta di fumo e di estasi, che ci ha inebriato all'inizio con questa svolta onirica della musica, fu merito del compianto Syd Barret.Syd capì che l'inizio del gruppo non poteva contenere la tecnica degli altri, già su piazza, come i Beatles per esempio, prima band che creò il live senza alcuna scaletta predefinita. La mancanza di tecnica accurata, doveva essere supplita da qualcosa di diverso, per non affondare nell'anonimato. E l'intuizione di Barret fu miracolosa, aiutati da uso di droghe ed allucinogeni in abbondanza, ci regalarono momenti di vera estasi. Non dimentichiamoci, le visioni cosmiche che era solito avere Roger Waters, abbandonate poi, dopo una lunga riabilitazione curata anche  attraverso la cura della terra. Il tutto si fece più tecnico con l'arrivo di sir David Gilmour ... ma l'imprinting per fortuna non svanì. 

Parole, parole, parole, che forse voi sapete già e leggerete queste mie righe con superficialità, se le leggerete, ben inteso... Ma permettetemi di farle conoscere a chi qualche cosa non sa  e spero avergli/le fatto cosa gradita, anche se si tratta sempre di parole, parole, parole.....


4 commenti:

Antonella Riviello ha detto...

Io tifo per zio Bruce e questa attesa ci fa fremere tanto ... è difficilissima la scelta del musicista che dovrà sostituzione il grande Clarence ed è per questo che rispettiamo i suoi tempi in un silenzio quasi religioso ....
Un abbraccio a tutti voi e colgo l'occasione per augurarvi un sereno e felicissimo 2012!

nella ha detto...

Cara Antonellina, in effetti questa quiete è un presagio nell'attesa dell' imprevisto... Se è una sorpresa deve essere esplosiva... Ti stringo forte forte...e che il 2012 sia magnanimo!!!!!!!

Massimo ha detto...

Aspettiamo con ansia gli eventi che riguardano il Boss del New Jersey

Buon anno a tutti i ritardo!

nella ha detto...

Non abbiamo da fare altro caro ,MASSIMO... Magico 2012 per te e famiglia!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.