............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

domenica 11 novembre 2018

Bruce , perchè non me lo hai detto?




Mi viene già da ridere pensando ai vostri commenti quando parlo di Bruce. Perdonatemi ma è un secolo che non ne parlo, e questo è un semplice gossip che vanno tanto di moda.
Qualcun sapeva che la nostra Janis Joplin ci provò una sera con lui? Forse si, io che mi reputo una profonda conoscitrice del Boss, ne ero all'oscuro..Quante mancanze!!!
Tutto successe nel lontano 69' subito dopo Woodstock, quando il Boss aveva solo 19 anni ed era solo Bruce Springsteen il ragazzo venuto da Freehold , che dormiva in una magazzino di windsurf , ma si affacciava già alla ribalta dei locali di Asbury Park.
Janis una sera si esibiva proprio in uno di questi locali  e aveva adocchiato Bruce nel part -terre già dalle prime canzoni. Sappiamo che la nostra Janis era di maniere spicciole, non si conteneva nelle sue esternazioni di nessun tipo , figuriamoci poi se si trattava di uno stimolo amoroso, di cui lei aveva spesso bisogno. Aveva già 26 anni la signora del rock ed era famosissima, lo incontrò nel back stage , grazie all'invito che Bruce ebbe da Vini Lopez che sarebbe diventato per un breve tempo suo batterista. Dopo l'ultima canzone eseguita Janis si lanciò nel back stage, lo vide , lo avvinghiò con la su gamba e gli chiese dove era stato per tutto questo tempo lui che poteva essere l'uomo della sua vita!La nostra Joplin doveva ancora eseguire un bis e il suo agente la obbligò a tornare sul palco. Bruce approfittò di questa temporanea assenza per scappare a gambe levate, direi pure spaventato da quel ragazzo semplice che era sempre stato. La fuga e la ricerca e' stata proprio un cartone animato, ma il nostro Uncle, non ne aveva fatto cenno nelle sue biografie, giravano pettegolezzi , ma sempre minimizzò l'accaduto , scusandosi per i suoi anni giovanili, la sua inesperienza , la sua timidezza e riservatezza, anche se era forse già conscio delle sue potenzialità , ma certo non immaginava cosa sarebbe poi diventato..
Janis Joplin morì l'anno dopo a 27 anni, età fatidica ed è inutile ripetere che cosa è diventato poi il nostro eroe.
Scusate per questo intermezzo pettegolo, ma ci tenevo che voi lo conosceste, sia per i detrattori del soggetto sia per i Blood brothers and sisters che circolano per il mondo.
 Alla prossima miei cari, o almeno incrociamo le dita!

sabato 3 novembre 2018

L'amore è eterno?




Quante volte ci siamo posti questa domanda?Nessuna volta? Strano però  e non la rivolgo solo a noi stessi ma anche ai nostri amici ai personaggi pubblici etc ...Se potessi la farei in diretta, ma mi accontento del virtuale!.
Ci sono coppie dello spettacolo che mi hanno fatto dubitare della durata della loro relazione, un capriccio momentaneo, un'infatuazione destinata a non durare ,una passione travolgente che come un grande fuoco poi va a spegnersi e...poi mi sono sbagliata..
Sapete quanto ho amato David Bowie ,questo Duca bianco così sfaccettato, così particolare , inimitabile, genialoide , ma altamente inaffidabile per certe faccende di cuore , fatte spesso per divismo come con la prima moglie sposata ai tempi del grande " Ziggy Stardust", quando lei aveva le sembianze molto simili al personaggio.Cosa alquanto originale quando ci si sposa perchè l'anima gemella assomiglia a noi, e non sto parlando di una caratteristica interiore o sentimentale , ma solo puramente fisica. Non tanto in questo caso per l'attrazione, ma per l'aspetto che lo rispecchiava moltissimo. In breve , era come aver sposato se stesso. E infatti durò quanto un sospiro!
Poi improvvisamente l'amore a ciel sereno, con matrimonio segreto e molto convenzionale in quel di Toscana tra il nostro David e la modella Iman, bellissima somala dalla pelle di luna, alla fine della sua carriera di indossatrice. Avreste prognosticato una unione duratura, un cambiamento radicale della nostra icona, non tanto fisicamente ma nel modo di vivere, di vedere le cose , di sfuggire da qualsiasi eccesso, insomma la vera trasformazione in una persona normale dedita alla famiglia, alla figlia Alexandra( quando aveva quasi dimenticato il figlio Zack)?La cosa più sorprendente è stata quella di trasferirsi in America, lui così attaccato alla sua Inghilterra, pur avendo girato il mondo restio proprio a trasferirsi nella Grande Mela ....cosa che lui fece senza battere ciglio per la sua bella moglie , che adorava vivere negli States..Potenza del sentimento. Ricambiato?
David Bowie non esiste più fisicamente parlando,la nostra black star è andata via , pur restando perennemente nei nostri cuori con le sue enormi produzioni in ogni campo.
 E la vedova?Quasi sparita dalle scene, non vivendo all'ombra di un grande personaggio, ma sfuggendo la notorietà, i media , gli allettamenti di nuove avventure. L'unica sua mossa è quella di continuare a ripetere che lei resterà per sempre la signora Bowie, non avrà nessun nuovo marito, l'unico suo vero amore resterà sempre lui l'inimitabile Star Man. Disdegna qualsiasi forma di pubblicità e sfugge innervosita a queste domande , esiste ed esisterà sempre una sola signora Bowie per  la durata della sua vita. E così anche la figlia Alex( chiamata in via confidenziale così), seccata per le offerte di modella , ma alquanto diversa nel fisico sia alla madre che al padre.
 E allora che dire come finale di questo piccolo post? Che anche le cose che sembrano improbabili, poi risultano le più vere e le più sentite. Qualcuno di voi storcerà il naso, penserà diamo ancora tempo al tempo e tutto cambierà. Forse chissà. Ma permettetemi di dire che a me risulta altamente vero, anche se all'inizio io non avrei giocato un euro. Dimenticare e sostituire un uomo come lui, risulta cosa ardua, improbabile, difficilissima. E allora buona vita signora Iman Bowie.

giovedì 25 ottobre 2018

In fila per tre





Come sapete miei cari non ascolto eccessivamente musica italiana, ma risentendo in questi giorni una canzone di Bennato molto anziana , tratta dall'album "I buoni ed i cattivi" non mi è mai sembrata tanto attuale.
Allora con la mia curiosità , ho ascoltato molti stralci della sua musica e  ho sentito proprio Napoli  e ricordato le sue parole , quando asseriva di averlo nel suo cuore perchè la sua città è rock come lui. In effetti non possiamo trovare molti cantanti italiani veramente rock, forse io intendo il rock in un'altra maniera, sono abituata al rock straniero e non ho mai approfondito il nostrano. Confesso, colpa mia!Ho trovato nelle sue produzioni gioia ed energia, sarà la malattia che mi fa essere più buona e generosa? Dopo tutto questo è un bene!
Ho trovato Bennato, e mi riferisco sempre alle sue prime produzioni, per me le migliori,una mina vagante, incontrollabile, una persona che non fa sconti a nessuno neppure a se stesso. Neanche la vita ha fatto sconti con lui...ha cresciuto una figlia da solo con tanti sacrifici, dopo la scomparsa della compagna in un incidente d'auto.Ma la cosa che mi ha più sorpreso è questa sua voglia di stupire e soprattutto di provocare divertendo. Non tutti lo hanno seguito fino in fondo, come me si sono fermati alle primi composizioni, ma quando si ascolta "Pronti a salpare " del 2015 sul dramma degli emigranti,, queste canzoni si sono rivelate profetiche, attualissime.
Siamo sinceri con  noi stessi,  ricordiamo le note dell"'Isola che non c'è", all'estero conoscono pure loro il suo Peter Pan, favola preferita anche da lui , intenzionato a farne un musical. Eppure da piccino la sua mamma non raccontava favole, ma la storia della sua vita, plasmando lui e i suoi due fratelli. La mamma desiderava che questi suoi tre figli studiassero lingue,per essere cittadini del mondo. Ma il mancato posto all'università, li hanno portati a studiare musica.
 E 'modesto Edoardo, non ricorda che Carosone in persona disse alla madre che questo figlio, laureatosi poi in architettura,sarebbe stato il suo erede, lasciando perdere costruzioni e calcoli.
Usa un inglese maccheronico nel comporre i suoi pezzi e ride per questo, così come un gioco di bimbi ...è serio solo quando parla di Napoli , questa sua adorata città che giudica stanca, rassegnata, nuda, svergognata, tradita, dolce...lo fa in 55 aggettivi che proprio gli arrivano dal cuore.
 E nato in una casa al numero 55, guarda caso , nella smorfia napoletana, proprio il numero della musica.Non ha mai voluto trasferirsi, anzi vorrebbe scrivere un libro su di lei, anche se non gli piace quando i suoi concittadini lo chiamano " maestro."Lui è un principiante, un saltimbanco, dice di non amare gli schieramenti politici, ma le sue canzoni , alcune almeno, dimostrano quanto la politica ci sia dentro.Ama ricordare i grandi della musica italiana, anche se è stato definito il nostro Bob Dylan( azzardato per me!), è amico di molti nostri cantati senza invidia, anzi dice di vedere i loro concerti, per scoprire come si muovono, come impugnano la chitarra e adora Fossati, commuovendosi nell'ascoltare "  Una notte in Italia", canzone che commuove anche me.La musica fa evadere,fa emergere tensioni, vibrazioni, energia.Si considera sbandato ma si dichiara rinnegato, per conservare   la stima in se stesso, come titolo di alcune sue canzoni.Sbandata è la sua casa , piena di fogli e con un materasso per terra, perchè deve essere ancorato alla terra.Ama tanto Bennato, ama molto, ama sua figlia bionda come la madre , ama il calzone con la provola e sotto sotto ama le sue produzioni
Per non annoiarvi troppo io ve ne regalo una che mi stupisce sempre perchè è valida attuale moderna sempre e lo sarà per molto tempo ancora. Ascoltatela, riflettete, pensate bene...ma in che anno è stata scritta .....ieri , oggi, domani?.

mercoledì 17 ottobre 2018

Com'è triste il mondo...



" Bisogna amare la vita, ho amato ogni cosa che ho fatto" e queste sue parole rispecchiano esattamente quello che nella realtà lui ha vissuto. Un'altra stella è partita il primo ottobre per morte naturale, a 94 anni, scampato a Parigi al genocidio turco, sopravvissuto all'occupazione nazista, scoperto dalla Piaf(suo autista e segretario), amico della Dietrich, autore di mille canzoni, padre di sei figli avuti da tre matrimoni, attore e fino all'ultimo istante istrione dei suoi concerti.
Pensare che secondo i medici era impossibile lui affrontasse questa carriera. Da piccolo gli era stata diagnosticata una paralisi che bloccava le corde vocali, ma proprio la sua crescita artistica derivava da questa voce dal caratteristico timbro roco, vendendo 300 milioni di dischi , in sette lingue differenti.Anche in Italia il suo successo non era mancato, molte partecipazioni con produttori italiani, presente come ospite ad un Festival di Sanremo, regalandoci brani che hanno fatto innamorare il mondo. Chi non ha mai ascoltato" Com'è triste Venezia"o " She" (lei) e altri brani regalati a Paoli, Modugno, Vanoni, Mina,Cinquetti, Zero, Ranieri e chi più ne ha più ne metta.Charles amava molto Massimo Ranieri, diceva che , come lui possedeva una simile sensibilità, considerandolo un bravo cantante, attore e animale da palcoscenico.Ora è facile dirlo , perchè sappiamo le capacità di Massimo, ma quando lo disse Aznavour i tempi erano molto lontani.
Non rinnegò mai la sue origini armene, aveva finanziato voli per aiutarli a fuggire dal regime comunista, cantò nella sua terrà per papa Giovanni PaoloII l" Ave Maria di Gounod, commuovendolo fino alle lacrime.
 Aveva faticato per divenire celebre in Francia, prima poco accettato, solo dopo gli anni 50', la sua maestria fu consacrata. Canzoni d'amore audaci e sincere, il suo stile espressivo, spesso disorientavano il pubblico. Quanto tempo è trascorso, ora la Francia lo celebra come un eroe a Les Invalides, vicino alla tomba di Napoleone.
Si, come è triste Venezia e come sarà triste tutto il mondo senza lui, ma le sue canzoni ci faranno ancora compagnia in questa terra molto spesso lontana dai suoi appassionati testi.

lunedì 8 ottobre 2018

Misteri sulla morte di Janis



Ho letto questo articolo su più giornali, su più riviste e ne sono rimasta alquanto stupita, perchè tutti siamo convinti che la nostra Janis Joplin sia morta per un'overdose.
Qualcuno di voi ha in mente un'altra versione? Sicuramente chi ammira questa artista texana ne conosce oltrechè  l'immensa bravura , la meravigliosa vocalità, i suoi enormi problemi. Un famiglia esistente ma mai avuta, la ricerca disperata di un amore che la salvasse dalla disperazione, le mille avventure sbagliate anche bisessuali,l'uso incondizionato di farmaci, droghe di diverso genere,la bipolarità , non ne fanno certo una persona libera da problema esistenziali, ma questa morte allora , ora messa in dubbio, come è avvenuta.?
 Un'amica intima della cantante , e chi ce lo conferma poi se sia vero o falso, Peggy Caserta ne ha scritto pure un libro , dove si dice che la morte e il ritrovamento del cadavere steso in terra nella stanza di un albergo, non era dovuto ad una overdose.
Perchè questa certezza? La signorina in questione era anche lei una tossico dipendente, ricoverata prima della nostra star per overdose e miracolosamente salvatasi.
La suddetta Peggy ci racconta che Janis dopo aver assunto eroina, era andata nell'atrio dell'hotel per prendere un pacchetto di sigarette, cosa alquanto improbabile per un soggetto in crisi da overdose. Camminare con scioltezza avanti e indietro e tornare normalmente nella stanza non è una cosa plausibile.
Questa testimone racconta di aver visto lei stessa il cadavere di Janis stesa sul tappeto vicina al letto ormai senza vita con le sigarette strette nel suo pugno, dopo aver assunto questo stock di eroina. E allora? Allora la nostra Joplin che portava stivaletti con tacco a clessidra era inciampata nel tappeto cadendo rovinosamente per terra e battendo il naso che aveva sanguinato copiosamente provocando l'asfissia del soggetto.
Verità , falsità, mania di protagonismo? Non è dato sapere e ha forse molta importanza tutto questo?
Nessuno riporterà indietro questa grande stella  e quindi non prendiamo come oro colato questa storia e , come sempre , andiamo avanti.
 Buona serata e abbraccioni miei cari

sabato 29 settembre 2018

I'm here




Si miei cari non vi spaventate sono io, sono qui , perchè questo ritardo? anzi ritardissimo.
Perchè avrei voluto chiudere definitivamente questa lunga trattazione della mia salute e invece non è ancora arrivato il momento. Quando arriverà? Non so, chissà! Ora mi sto abituando a questo stato di cose , desidererei scrivere sulla musica , ma quale musica posso scrivere se continuo a frequentare dottori, ospedali , visite, medicine,ormai la mia vita si basa su questi temi e musicalmente parlando n on trovo nulla di interessante.
Non hanno ancora capito dopo 2 anni , si perchè ormai si parla di anni, cosa esattamente io abbia! Questa è la cosa più tragica.
 Faccio mille analisi , ma sono tutte abbastanza positive. L'unica cosa è la mia anemia, migliorata la mia situazione muscolare, l'intestino non ha più niente da regalare...ma le piccole operazioni o i ritocchi" estetici" del mio corpo non sono ancora terminati.
 Si deve e ancora indagare , si deve ancora esaminare...da dove arriva questa mancanza di emoglobina?Certo non sono ancora in anemia perniciosa, non sono ancora in fase leucemica, ma perchè questa persistente anemia? Mistero...C'è qualche investigatore tra di voi che mi sa dire qualcosa a tal riguardo?
 E io attendo due nuove sempre piccole operazioni..A forza di piccole operazioni non so cosa debbano più esplorare sinceramente parlando...forse guarirò da sola per miracolo divino.
 Devo dire che i casi sono due..o mi sto abituando alla cosa e mi sento meglio o tutte le varie esplorazioni un po' di frutto lo hanno dato. Fate voi , io rinuncio a capire.
 Desidererei solo una cosa, la prossima volta che metto mano su questo blog parlare di musica e solo di quella ..alla larga da tutte queste " paturnie " che sono fuori tema per un blog che si chiama " Rock music Space"
 Dico bene?
 Siate tutti uniti a me e cantiamo questa propiziatoria canzone

giovedì 12 luglio 2018

Lo strappo



E sono ancora qui dopo tanto tantissimo tempo, ma ancora qui con il vostro pensiero, il blog pieno di polvere e io tra una corsa all'ospedale e l'altra.
 Ed ecco la non nuova decisione , si opera una seconda volta , senza questa nuova operazione al colon per vedere le condizioni di un polipo (non quello di mare) a altre cose non possono andare avanti...!
Mi è capitato solo questa volta di pensare a mio padre come chirurgo e le impressioni che avrebbe detto in faccia a molti medici e solo in questo momento sono contenta non ci sia più.
Sarebbe sicuramente successa una strage, perchè come tutte le persone calme quando poi " sbottano!
 ..si salvi chi può
La cosa più comica è chi mi domanda dove passerò le vacanze , mah..prima spero di alzarmi da quel lettino chirurgico, poi ci sarà la riabilitazione, il periodo di riposo, come se non ne avessi fatto abbastanza, ed infine si ricomincia con le altre patologie, ammesso che mettano a tacere quest'ultima.
 Il pronto soccorso mi riconosce a fiuto, come un cane da tartufi, ma ci fossi andata una volta per qualcosa di specifico  sarebbe anche fruttifera la cosa, no, ma no..soltanto per il dolore tremendo che avevo. La soluzione tornavo a casa con altre medicine e con il dolore. Bella questa , ma vi assicuro che è vera, perchè una persona sottoposta a mille esami risultati negativi ed( è già qualcosa) non può occupare un posto al pronto soccorso anche se ulula dal male.
Mi sono abituata a tutto, sento meno qualsiasi dolore , anche mi bruciassero viva , sentirei  il solito fuocherello che mi infrange l'intestino, ma roba da nulla.
 Per la deambulazione e i dolori muscolari se ne parlerà, tanto io sto pensando se una sedia elettrica( non quella dei condannati a morte che non si usa più) andrà bene perchè siamo messi male  e ve lo dice una che ha fatto 27 anni danza.
 Glissiamo, cosa vi posso dire d'altro ...
Ho scritto ora perchè non so cosa potrà ancora succedere il 25 Luglio , niente tutto qualcosa..
 Meglio prevenire ed eccomi qui
Vi voglio tanto bene e mi mancate tanto, dirvi spero presto di riprendere è una bugia , il presto è fatto di tempo e forse anche tanto. Ma si spera sempre meno male.
 Scrivetemi, fatemi domande , mandatemi a quel paese , ma vi voglio, vivi vegeti e in vacanza
 Vi voglio bene , ci sentiamo..non so quando!

sabato 26 maggio 2018

Il dolore




Purtroppo miei cari , malgrado la grande assenza , non posso fare ancora un post musicale ma informarvi ( ammesso che sia interessante ) ma so che ve lo devo, sulla mia non salute
In questi mesi avro' rifatto non so quanti esami senza ,come sempre,venire a capo di nulla. La cosa importante che non ho un tumore ed è già tantissimo. Un tumore al colon mi lascerebbe l'amaro in bocca , proprio non mi piace!
Ma è comparso un dolore costante ininterrotto che mi blocca le funzioni che un umano può avere, anche gli antidolorifici vengono meno , esiste l'assuefazione ..e sei a letto con 30 gradi e una boule dell'acqua calda. Impensabile!!!!
Solo nel mese di luglio  passerò per una seconda ispezione, sperando sempre che in casi da " cavia " come il mio, il diritto di precedenza esista. Ma ho moltissimi dubbi.
Il pronto soccorso è diventata la mia casa, ormai sono tutti gentili e disponibili, posso stare quanti giorni desidero , neppure un hotel di prima categoria con le dovute differenze.
 I dottori mi vengono a fare visita a casa, sempre dubbiosi per cosa mi succeda, pronti a cambiare tutti i trattamenti mentre io sono stazionaria.
Siate certi che se qualcuno mi telefona , o sarà l'ospedale, o le analisi, o un medico.....vorrei sapere quanti reparti mi mancano... Forse pediatria e psichiatria, altrimenti io li ho fatti tutti, proprio tutti.
E intanto la vita va avanti
 Sento parlare di estate, di vacanze, di ricambi di stagione..mi sembrano cose che non appartengono al mio  mondo e in effetti è così.. a pensarci bene io sono in una bolla a parte con scritto " don't disturb", ma disturbare per cosa..magari fossi disturbata e sentissi parlare d'altro!
E invece no, rinchiusa , carcerata senza catene , o meglio con catene invisibili, che sono molto peggio delle vere, perchè le mie sono fatte di dolore e il dolore conviverci , fa malissimo
Aspetto sempre di dirvi " E' finita" o " Sono migliorata" ....non è possibile!
Spero sempre di rientrare nel circuito della musica e della danza , pur sapendo che non succederà. Ma che carini , la redazione mi cerca sempre , mi sprona, mi invita a tornare perchè hanno bisogno.
Certo che una corrispondente con le flebo sarebbe una moda nuova da lanciare!!!!!
Vi devo lasciare , ma solo con il mio povero corpo che continua a dimagrire . Con la mente sono sempre con voi..che belli che siete così abbronzati..io sembro la " Sposa cadavere" di Tim Burton..
Sono fuori dal gioco dalla mischia , mi sono sempre piaciute le novità ed ecco io ve ne porto una per l'estate!!!!!
 Vi voglio tanto bene!


giovedì 5 aprile 2018

Que sera


Si avete ragione dovevo scrivere molto prima, ma poi penso per cosa dire di nuovo...dovevo fare gli auguri pasquali , ma se mi ero persino dimenticata fosse Pasqua se non per amici compiacenti.
 Vi scrivo perchè sento il bisogno di farlo, ma non ho notizie nuove, notizie buone , forse peggiori...o forse uguali? Chissà..non lo so neppure io
Avevo iniziato ieri, poi ho ceduto, perchè importunarvi sempre così..dopo tutto questo dovrebbe essere un blog musicale , e invece è diventate " un blog medicale", ...mah ormai ho iniziato e continuo.
Vi voglio troppo bene per non mettervi al corrente del mio stato, mi scrivete  e non rispondo, non perchè non voglia , ma perchè non so proprio cosa aggiungere a questo nulla e allora penso e ripenso e decido che è meglio tacere
Ormai io sono una cavia da laboratorio, non solo io non so dirvi da che cosa sono affetta, ma persino i medici brancolano nel buio. Esplorazioni, esami,  medicine, ma la malattia è sempre ferma, i dolori sempre presenti , a volte un po' meno forti a volte terribili , e io ormai mi ci sto abituando.
 Ma desidererei , penso come tutti, sapere il perchè e soprattutto avere una diagnosi, e non continuare a fare esplorazioni anche dolorose per poi ripeterle , perchè non si viene a capo di nulla.
 Potrei telefonare al Padre Eterno, forse lui mi darebbe una risposta certa, ma mi hanno detto che la telefonata è troppo esosa e allora non potendomela permettere, ho rinunciato.
 Ora ho un piccolo intervento chirurgico come novità. Il reparto chirurgia non lo avevo ancora toccato insieme alla ginecologia, chissà arriverà pure quella?
 Che dirvi, non posso stare molto seduta , quindi neppure troppo al pc che funziona quasi come me, certo da escludere lo stare molto in piedi,sdraiata non per troppo tempo..ma come devo stare.
 Sorrido perchè tutto è iniziato per un giorno in vespa e un dolore alla schiena ed ora sono interessati occhi, reni, intestino, anemie varie, reumatologie misteriose etc etc
Non ci penso ormai molto , dolori a parte dico la verità 18 mesi in queste condizioni vi abituano, molti amici mi vengono a trovare e abbiamo il coraggio di riderne insieme per non piangere ...e intanto io sono stazionaria..
 Tutto buttato all'aria lavoro compreso e questa è uia cosa che mi pesa non poco, ma anche per questo io mi abituerò
Vi scriverò ancora  per dirvi cosa non so, sia benedetta almeno una diagnosi, sperate con me , perchè qui non si toglie un ragno da un buco.
 Mi mancate e vi voglio tanto bene come sempre

martedì 6 marzo 2018

La vita



Si sono io,sono semiviva, ma quando torno al mio posto mi sento meglio anche se è immaginazione.
Devo essere sincera? Non posso mentire non è nel mio carattere purtroppo o per fortuna.
No va bene. Le diagnosi sono tutte o quasi sbagliate e si deve ricominciare da zero con altre patologie rovinate dal cortisone.
Spesso non ricordo le cose e spesso non  so dove mi trovo, i dolori sono più forti, le limitazioni più severe.Sono caduta con un gran botto in un mobile e la mia vista si e annebbiata. Sono scese le cataratte negli occhi, una è terribilmente pesante e non vedo benissimo.Ho una anemia talmente forte che richiede esami e operazioni esplorative per capire dov 'è la perdita di sangue, i reni incominciano a vacillare, la deambulazione è fatta con un bastone, se cado a volte non mii rialzo, ma continuo ad andare avanti, tra medici incompetenti che provano senza riuscire, mentre quella che va più avanti malgrado tutto sono io.
Era doveroso che io spiegassi,spesso temo di non farcela, imbottita di pillole che ti rovinano lo stomaco, ma vai avanti indomita, sempre custodita, perchè potrebbe succedere il peggio
Ma siamo ancora qui, e io che vi racconto e se vi racconto vuol dire che sono ancora viva e apprezzo questa vita così severa con me ora , ma così splendente nei tempi passati.
E poi ci siete voi, sempre presenti nel mio cuore, vorrei rispondervi, ma non mi è  consentito rispondervi per ora ..troppo tempo al pc
Sappiate che ci siete, che ci sono ancora fino a quando non lo so. Ma ci sono!
Non vi posso più dire a presto, vi dico solo appena posso e spero non sia così lontano