............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

martedì 17 dicembre 2013

Dietro i candelabri!

Curioso ricordare dopo tanto tempo  Liberace(1919-1987) questo attore pianista e soprattutto personaggio , show man omosessuale che nella moderna America è ancora tabù." Dietro i candelabri" ci propone proprio questa fiera del kitsch, del cattivo gusto come religione quotidiana senza alcun pentimento. Il film di Sodenbergh è proprio la rappresentazione della vera vita, le passioni, le sfrenate voglie di mettersi in mostra e di piacere di Wladsiu Valentino Lee Liberace , un'icona di origini polacche-italiane degli anni sessanta e settanta.Un virtuoso del pianoforte, con dita cariche di anelli, gli abiti fatti di lustrini e diamanti,. le pellicce pesanti e sempre un sorriso ammiccante stampato sul viso. La sua popolarità era immensa , adorato dalla folla puritana e borghese , che fingeva di non conoscere la sua omosessualità, perchè secondo i costumi dell'epoca ( e purtroppo non del tutto scomparsi...)lo scandalo esigeva il silenzio e l'assenza di qualsiasi ammissione.La rivoluzione sessuale ..poteva attendere!!!! E se qualcuno alludeva alla sua omosessualità, Liberace lo trascinava direttamente in tribunale  come corpo di reato...incredibile a dirsi.....vincendo regolarmente.
 Famoso il candelabro posato languidamente sul pianoforte, preso dal cinema in un film del regista Vidor sulla vita di Chopin non risparmiando neppure lui di orpelli abbaglianti...
Liberace amava i bei ragazzi, soprattutto giovani , li illudeva, li viziava, per poi scrollarseli di dosso , anche sulla figura di Scott , addestratore di cani ,che diventò autista, manager, guardia del corpo, compagno, la sorte non fu diversa. Lee se lo staccò di dosso, mettendolo alla porta , dimenticando promesse , regali e soldi, con l'aggiunta di liti assurde, lavorio di legali, finchè purtroppo l'AIDS non portò via questa regina dei tasti.
Sodenbergh ironizza molto su questo strano personaggio , è più propenso a divertirci che  a farci la morale sul tutto e a mostrarci una straordinario Michael Douglas  dentro una prova che potrebbe valere un'intera carriera , pur non portandolo probabilmente all'Oscar. Anche Matt Damon è dentro al personaggio come sempre, ma non raggiunge i picchi sublimi di Douglas. Il regista spinge e calca sulle esagerazioni di vita del personaggio: la villa lussuosissima piena di pianoforti di ogni tipo, le varie operazioni di chirurgia plastica subite e fatte fare agli altri per assomigliare sempre più alla "Divina".
La mamma in questione è una splendida Debbie Reynolds , presenza irrinunciabile   nella vita  del nostro Lee.
Per  Douglas jr.è stato un vero miracolo entrare nella parte , suonare il piano subito dopo la sua malattia  e la convalescenza per le cure subite .La battaglia contro il cancro era stata vinta , ma la sua vittoria migliore fu lo straordinario riconoscimento dovutogli a Cannes , dove si commosse dal successo ottenuto, confessando di avere anche tratto un po' l'ispirazione dal più attuale Elton John.
Tutto questo ci dà da pensare come ancora oggi questo grande e democratico paese si mantenga falsamente neutrale con i cosiddetti " diversi". Ricordiamo Rock Hudson , simbolo de vero macho hollywoodiano, che nascose la sua omosessualità per tutta la vita e solo la malattia lo costrinse all'outing. Ricordiamo Raimond Burr , il celebre Perry Mason, che mai e poi mai, avrebbe potuto manifestare le sue preferenze sessuali, e costretto a sposarsi per ben due volte come copertura al tutto. E tanto per finire  ricordiamo  Harvey Milk (interpretato da Sean Penn  magistralmente  nel film " Milk") , primo gay dichiarato eletto ad una carica politica. E l'elenco sarebbe lunghissimo , ma non vi voglio annoiare più oltre , desidererei solo una riflessione da tutti voi in questo periodo poi, dove l'amore la pace la fratellanza ci dovrebbe unire di più.
 Facciamo cadere la maschera dell'ipocrisia, diventiamo veramente esseri umani, perchè tutti abbiamo il diritto di vivere liberamente secondo le nostre attitudini senza per questo perdere alcuna dignità. Anzi...
Alla prossima miei cari.....

38 commenti:

MikiMoz ha detto...

Oh ma infatti, ognuno ama e si scopa chi gli pare :)
Quanto al film, se è eccessivo, camp e kitsch, sicuramente prima o poi lo vedrò.
Ammetto di non conoscere il personaggio in questione...

Moz-

Annalisa Guarelli ha detto...

Lo vedrò sicuramente: Soderbergh è un regista che mi piace molto.

Zio Scriba ha detto...

Lo vedrò di sicuro, ho letto solo recensioni dai 4 asterischi in su... Bel personaggio, da come ne parli, per il suo amore per i bei ragazzi, meno bello per l'odiosa cazzata di "portare in tribunale" chi alludeva alla sua sessualità. Poi sull'argomento con me sfondi una porta non dico già aperta, e neanche scardinata, proprio una porta che non c'è: l'amore è amore, e solo incidentalmente può coincidere con quella che il grande Romain Gary definì "riproduzione per vie urinarie".
Un abbraccio, rigorosamente bisex, o multisex, o no-sex, insomma tutto quello che vuoi tranne le superate gabbie della monosessualità obbligatoria... :)

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

L'ho trovato decisamente piacevole.
Sopratutto per i personaggi fuori dalla norma :)

RainMan ha detto...

Ciao Nella, come tu ben sai sono gay, non è mai stato un problema tanto è vero che vivo felicemente col mio compagno e mando a fanculo tutti i giorni mia "suocera" che disapprova il nostro amore e non accetta suo figlio.
Non è quindi l'omosessualità che discuto, piuttosto è come Soderbergh ha trattato il personaggio di Liberace nella sua pellicola: l'ha fatto innanzitutto con attori etero (che quindi non capiscono nulla delle dinamiche di una vita omosessuale e non sono realistici) e ha calcato la mano su aspetti di cui il cinema LGBT sta cercando di liberarsi.
Si è tornati a pellicole come "Il vizietto", "Piume di struzzo" o "In e Out" che per quanto facciano ridere comunque non sono un reale spaccato della vita omosessuale: non siamo frizzi e lazzi, eccessività e sesso 7/7.
Soderbergh poteva fare un lavoro migliore, visto che Liberace ha vissuto in anni difficili e controversi, quelli dove c'era chi doveva nascondersi e chi come Andy Warhol o Harvey Milk decideva invece di battersi per i suoi diritti e vivere apertamente il suo essere gay.
Un abbraccio, Ray.

Melinda Santilli ha detto...

Nella, donna della mia vita, indovina chi è?
Sono tornata! Okay, non sono ancora in forma piena, ma ci sono!
Allora, io il film non l'ho ancora visto ma per quanto siano bravi Douglas e Damon, sinceramente non mi convince il modo in cui viene trattato l'essere gay, la vita difficile di quegli anni, l'amore omosessuale: dai, ci fanno sembrare delle macchiette deficienti!
Ma te ne sei accorta che ogni film gay/lesbo/queer/trans o va sul macchiettismo o si muore tragicamente o si deve vivere dolorosamente quasi l'essere gay sia una colpa?
Ecco perchè amo Queer as Folk (Usa o UK è uguale) o The L Word: duro per duro, almeno mostra la vita omosessuale così com'è, senza perbenismi e macchiettismi.
Tantissimi bacioni!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sicuramente lo guarderò.
Serena giornata.

Nella Crosiglia ha detto...

Personaggio alquanto discusso mio caro MOZZINO...film fatto benissimo, una guardatina io la darei...
Baissimo amico caro!

Nella Crosiglia ha detto...

Hai ragione dolce ANNALISA...la regia è già una grande garanzia...
Film piacevole e interpretato benissimo!
Buona mattinata amica mia::))

Nella Crosiglia ha detto...

Adorato ZIO SCRIBA ..che piacere averti qui...
Le discriminazioni non dovrebbero neppure esistere e la parola stessa dovrebbe essere depennata, peccato che nella dura realtà non sia proprio così!
Un abbraccio e bacio universale per te zietto mio!|

Nella Crosiglia ha detto...

MARCOGRANDEARBITROGIORGIO, felice tu l'abbia già visto...
Fatto ad hoc con personaggi scelti con cura estrema...
Bacio mattutino!

Nella Crosiglia ha detto...

RAY , come posso darti torto...
Trovo comunque che Douglas ( un a ttore che peraltro non gode le mie grandi simpatie pur essendo bravo) qui l'ho trovato abbastanza realistico nel personaggio.
Non ricordo bene Liberace, ma per la poca ricerca che ho fatto, ostentava molto , troppo ed esagerava proprio in tutto fosse stato anche etero, se vogliamo fare una distinzione che a me non piace.
Nessuno trova tutti i gay nel suo personaggio, ma come una gran parte delle persone, ci sono artisti che ostentano molto se stessi e altri molto meno, artisti che si presentano in una determinata maniera indipendentemente dalle attitudini di vita, che per me sono comuni a tutti, scelte permettendo. Liberace era un personaggio eccessivo anche se fosse stato etero,esagerato sotto tutti i punti di vista. Ho visto la pellicola guardando al carattere del pianista di successo e per la vita che ha condotto, eccessiva in tutto come altre stelle dello star-system hanno avuto. L'unica differenza erano gli anni dove il perbenismo americano era maggiormente stretto (ma ancor oggi non scherza!)
Evviva l'amore mio caro Ray, la difficoltà è il trovarlo dove e comunque sia, questo è solo importante!
Un sincero abbraccio del mattino e salutami Lago!

Nella Crosiglia ha detto...

MELINDA mia dolce, indipendentemente dalle attitudini sessuali, il personaggio di Liberace era un eccessivo esibizionista dalla nascita, legato morbosamente alla madre che lo copriva e non lo abbandonava mai...
Fosse stato anche etero, per quel poco che so della sua vita , la sua identità non sarebbe cambiata molto.
Ridurre l'omosessualità in macchietta lo trovo deplorevole, come trovo assurda descriminarla e questo lo sai molto bene...
L'amore è una scelta difficile sempre quando si sceglie quello vero,e via queste ridicolaggini di categorie o tendenze.
Quando si ama, sia ama..il difficile è sempre trovare la persona giusta , indipendenntemente dal sesso...
Mettiti in forma mi raccomando, ti voglio al top!
Io ho una gamba di alabastro a forza di sforzarmi a camminare...Oggi riposo assoluto!
Bacio speciale!

Nella Crosiglia ha detto...

Ciao CAVALIERE mio , per me merita di darle una guardata , ma i pareri possono anche essere differenti come i gusti ...
Tutto è permesso e normale.
Un abbraccio della mattina!

Sciarada ha detto...

Ciao Nella, sei straordinaria ed hai scritto un grande post recensione di denuncia con il finale da incorniciare per sensibilità e bellezza, condivido pienamente ogni tua parola!
Sono contentissima che la tua operazione abbia avuto un esito positivo e ti auguro di passare un sereno Natale che sia il preludio di un 2014 meraviglioso! Bacio!

Nella Crosiglia ha detto...

Dolce SCIARADA mia..grazie per le tue gentili parole, troppo generosa...
Mi auguro solo che il Natale e tutte le altre Festività volino via molto ma molto presto, purtroppo...
Per te e tutti i tuoi, uno sfavillante Natale e un grandioso inizio anno..
Ti stringo forte!

Gianna Ferri ha detto...

Condivido il tuo pensiero...Nellina

Chat Noir ha detto...

L'ultimo pezzo del post lo condivido tutto Nellina, via l'ipocrisia!
Se poi vogliamo parlare del film... insomma l'ho trovato un pò troppo macchietta: non sicuramente all'altezza di Milk.
Gli anni di Liberace erano anni difficili, ma già dagli anni 60 erano iniziate le prime grandi battaglie. Il 68, come mi ha spiegato nonna Bea, è stato il 68 di tutti anche della comunità LGBT (lei è stata a Woodstock, ha vissuto in una comune e come mi ha raccontato l'amore era veramente libero, le etichette sono state messe dopo).
C'era chi non si dichiarava e chi come Andy Wahrol o Milk vivevano la loro omosessualità alla luce del sole.
Un altro che ha fatto lo stesso percorso è stato Versace, ma anche Renato Zero (che se vogliamo possiamo paragonarlo almeno nei primi periodi a Liberace per i costumi e la teatralità), successivamente mi vengono in mente Freddie Mercury, Rudolph Nureyev, Martina Navratilova, Platinette e c'è un elenco infinito...
Non penso che l'esagerazione del regista sia un passo avanti per "l'accettazione" (ma guarda te che termini mi tocca usare" di gay, lesbiche, trans... secondo me da un'immagine sbagliata, troppo eccessiva e libertina, quasi priva di valori.
Come essere omosessuali significa scopare dalla mattina alla sera e pensare solo a quello o ai soldi.
Non è così, non funziona proprio così! Noi omosessuali abbiamo gli stessi problemi di tutti: scuola, famiglia, lavoro, casa, mangiare, sanità, tasse... non siamo alieni, quindi diamo al film un bel 2 su 10 e 0,1 per la scelta pessima degli attori: sbagliatissimi Michael Douglas e Matt Damon.
Un bacione! Come stai piuttosto?

Chat Noir ha detto...

Un'ultima cosa, ho letto la risposta che hai dato a Ray: il film non è incentrato sull'artista, ma sul fatto che Liberace era gay.
Di film su artisti molto validi ce ne sono: prendi quello su Frida Kahlo, prendi Amadeus (di Battiato, che presto presenterà un film su un altro musicista), prendi quello su Beethoven... questo è un film che parla di gay e non ne parla bene, purtroppo.
Baci

silvia de angelis ha detto...

Sempre colmi di notizie variegate i tuoi magnifici post...
Vivi uno spensierato pomeriggio, un abbraccio, silvia

nina ha detto...

Carissima Nella
come va? Spero bene! A fare un bilancio, devo ammettere che non è stato uno dei migliori anni, il 2013. Ma c'è una notizia positiva: sta per finire!
Io è dall'inizio dell'estate che non riesco a mettere piede in un cinema, ma mi hai fatto venire voglia di fare uno sforzo...
Ti ringrazio e ti abbraccio augurandoti ogni bene!
Nina

Nella Crosiglia ha detto...

Grazie GIANNINA mia , sapevo di averti vicina anche in questo!
Un abbraccio forte della sera!

Nella Crosiglia ha detto...

CHAT NOIR mio , posso essere d'accordo , per quanto riguarda il film s'intende , sulla regia spesso puntata esageratamente sull'aspetto macchiettistico della vicenda, mentre ho trovato Douglas , molto simile a Liberace.
Non ho una conoscenza approfondita di lui, ma documentandomi su alcuni filmati e leggendo un po'la sua vera storia, senza preziosismi direttivi, mi è sembrato veramente tronfio di vivere nei suoi eccessi, questo indipendentemente dalle sue inclinazioni.
I pochi che ho trovato autentici, ma ce ne sono molti altri, sono senza dubbio Warhol e Milk. Versace è sempre stato caratterialmente riservato e per non investire la "maison" emigrava in altri lidi, Zero ha giocato sulla bisessualità di Bowie dei primi tempi per presentarci un travestimento non proprio genuino, Mecury inizialmente si presentava aperto ai due sessi( vedi il suo lungo fidanzamento e sodalizio con una donna), Nureyev ha avuto amanti a dismisura e una lunga relazione con la bravissima Margot Fontaine , per poi avere altre scelte, la Navratilova è stata un'altra molto genuina che nell'ambiente tecnistico ha saputo sempre dividere la vita prvata dal mestiere e questo vale per tutti noi...
Bah, ho espresso le mie idee che possono pure essere sbagliate, ma adoro il confronto e penso che molti post dovrebbero servire anche a farci riflettere su ciò che scriviamo, vero adorato gattino mio?
Sto abbastanza bene, la gamba è un po' legnosa, ma risponde ,e la testa vola nell'interspazio con le mille cose da pensare..
Stendiamo un pietoso velo!
Ti voglio tanto bene! Un saluto alla tua cara nonnna!

Nella Crosiglia ha detto...

Pomeriggio di semi riabilitazione SILVIETTA mia, e come sempre tanto spensierato non è stato..
Grazie per le tue dolci e gentili parole, spesso veramente immeritate!
Ti abbraccio forte!

Nella Crosiglia ha detto...

NINA bella mia stellina della sera...
Nefasto 'sto 2013, ma ormai sono talemnte scettica che non aspetto quasi più nulla...Vorrei poter dimenticare , ma è estremamente difficoltoso..
Sono molto pigra anch'io nell'andare al cinema, ma è il giornale che mi invia i film da recensire e allora spesso buona buona obbedisco!
Un bacio ...

Pierluigi ha detto...

Penso a Umberto Bindi, alla discriminazione dovuta alla sua omosessulaità, alle risatine, agli ultimi anni della sua vita, la povertà e la malattia.
Arrivederci...
Un abbraccio da Bogliasco.

Chat Noir ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Chat Noir ha detto...

Sono anche rincoglionito perchè mi sono eliminato il commento...
Nellina mia, le discussioni costruttive servono a confrontarci e ci aiutano a crescere, con te è bello discutere :)
Un mega abbraccio

Nella Crosiglia ha detto...

PIERLUIGI mio..da Bogliasco?
Ma siamo vicini! Che gioia!!!!
Si , vagamente ricordo da ragazzina questo grande cantautore che faceva melodie delicate e romantiche ed era deriso in ogni dove...
Poi dopo la sua scomparsa , chissà perchè diventiamo tutti grandi!
Che sciocche ipocrisie...
Ciao amorevole amico mio!

Nella Crosiglia ha detto...

Che grande complimento mi hai fatto amico mio caro , CHAT NOIR indispensabile nel percorso della mia tribolata vita...
Mettersi a confronto con persone che abbiano cervello , è una delle cose più stimolanti che esistano...
Grazie di farlo con me, sono onorata e orgogliosa...
Ti voglio tanto bene e lo sai..

ps: come vorrei farlo di persona...mai dire mai!!!

Barbara Bordeaux ha detto...

Ma che belle parole Nella, condivido in pieno il tuo pensiero, soprattutto l'ultima frase che hai detto! Non appena avro' commentato andro' a guardarmi anche il video.

Ti sto seguendo su bloglovin e google+... non so se hai saputo che prima o poi tolgono i followers di GFC quindi per rimanere in contatto ci conviene di seguirci li'!

Un bacione, alla prossima*

Ambra ha detto...

Assolutamente d'accordo con te.
Ciao cara Nella, ti lascio qui i miei auguri di Buon Natale e Buon Anno. A presto.

Nella Crosiglia ha detto...

BARBARELLA bella, grazie per le tue gentili parole e grazie per seguirmi su tutte queste fonti, ma ti chiedo come favore personale, se non ti arreca molto disturbo di seguirmi anche sui followers "unisciti al sito".
E' da tempo che dovrebbero sparire , ma ci sono sempre e il controlo del mio giornale sugli amici del blog , per ora avviene solo da questa parte..
Grazie infinite e scusa il disturbo...
Bacio del venerdì!

Nella Crosiglia ha detto...

AMBRINA bella..ricambio di cuore tutti gli auguri migliori per te e famiglia..
Per me che volino via lontano e che si arrivi in un lampo al sette di gennaio!
Ti stringo forte e grazie!

SARA ha detto...

Cara Nella come va? spero meglio,
ti auguro buon Natale e felice anno nuovo.un abbraccio nonna di sara gianna.

Nella Crosiglia ha detto...

Cara GIANNINA mia , nonna della dolce SARA...
L'operazione è andata bene, a parte una piaga da bruciatura proprio vicino al ginocchio incriminato che non si dà per vinta a scomparire!!!
L'umore e le festività , sinceramente mi danno un bel colpo di grazia..
Come vorrei averti qui con me, mi sentireri molto meno sola...
Un abbraccio forte forte!

sergio celle ha detto...

...cara amica Nella, mi ero perso questo meraviglioso post, ma la mano di fato mi ha condotto e lo ringrazio, come ringrazio te...un forte abbraccio...

Nella Crosiglia ha detto...

Grazie SERGINO, come sempre di una gentilezza squisita...
Ti abbraccio forte .....

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.