............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

martedì 10 aprile 2012

"Vorrei che tu fossi qui"

I vecchi gruppi non ci finiscono mai di stupire, è inutile negarlo, così come i grandi della musica. Le loro  rimasterizzazioni, rese più ricche da curiosità, nuovi pezzi, inediti, interviste, pensieri  etc etc, ci intrigano sempre enormemente. E' la volta di " The Story of  Wish you were Here", documentario in DVDe BLUE -RAY dei nostri intramontabili Pink, che arriverà in Italia il prossimo giugno, dove ancora una volta la band si racconta, ma soprattutto racconta la diffficile gestazione dell'album, le nuove interviste con Waters e Gilmour, il  creatore della copertina Storm Torgerson, importante come non mai, perchè l'originaria raffigurazione era formata da due uomini che si stringono la mano nel largo di una fabbrica , mentre uno di loro va a fuoco. E tutto questo venne ripreso in maniera stilizzata nell'album dei Radiohead " Ok Computer "...corsi e ricorsi della vita, strano eh?

Ed ecco qui l'originale in tutta la sua bellezza  e nelle cento interpretazioni che se ne possono trarre!!!" Wish you were Here" è l'album dell'assenza, del distacco, dell'abbandono, e non è un segreto, oggi come oggi , l'album preferito dai PInk Floyd stessi. Unito al declino mentale di Syd Barret, c'è il declino dell'industria musicale del tempo e solo la genialità del bassista Waters, riuscì a comporre un disco formato dalla suite " Shine on you crazy diamond"  divisa in due parti, per poi riunirla con tre nuove composizioni." Shine On" è tutta dedicata a Barret, che, come un preavviso si presentò a sorpresa negli studi, con un aspetto da zombi trasformato."Wish you were Here", rievoca il desiderio di fratellanza del gruppo, che pareva venisse a mancare , quasi un presagio della loro disgregazione.

Il ricordo di Syd è reso nel suo primo splendore, fulgente come il sole e come questo impossibile da raggiungere e da capire. Interessanti sono le dettagliate spiegazioni che Roger Waters dà agli effetti sonori del tutto, come l'apertura di una porta , simbolo di rinnovamento musicale e di progresso, la festa chiassosa come turbinio di legami apparenti che si sfaldano. Un lavoro da risentire per quelli che amano questo tipo di musica e da consigliare ai neofiti, potrebbero essere assorbiti da questa suggestiva armonia.
Siamo a Pasqua ragazzi  ed ieri era Natale.....non sono la persona più adatta perchè non amo le feste comandate e soprattutto quello che comportano come conseguenza, ma auguro a tutti un magico periodo di riposo e di allegria!



22 commenti:

Alligatore ha detto...

Eccomi qua ...Storm Torgerson un grande artista, "Ok Computer" una pietra miliare, Pink... grandi per un bel periodo...

Granduca di Moletania ha detto...

Siccome i Pink Floyd, ultimamente non li incontro così spesso, venerdì sera sono andato ad ascoltare una loro tribute band, che si chiama "Floyd Machine".
Ragazzi, se capitano dalle vostre parti, non fatevi scrupoli e correte ad acoltarli, perchè ne vale proprio la pena.
Tra tutti i pezzi che hanno magistralmente eseguito, forse quello che mi ha soddisfatto meno degli altri è stato proprio "Wish you where here"; ma li perdono.
Sono comunque dei coraggiosi, perchè solo l'idea di riprodurre il suono anni '70 dei Pink Floyd a me fa venire i brividi.
Sicuramente sarebbero meglio gli originali, ma purtroppo "il tempo non aspetta nessuno".

Come al solito hai ragione; e hai ragione anche sul fatto che ieri era Natale: da noi faceva dei fiocchi di neve così e in cinque minuti ha imbiancato tutto.
Un abbraccio.

TuristadiMestiere ha detto...

quella canzone ti entra dentro e non ti abbandona più "...What have we found? The same old fears"

Evil Monkeys ha detto...

Grande album, grande artwork...però tra Waters e Syd io sto sempre dalla parte di Syd

nella ha detto...

Ciao ALLI caro, spero di averti accontentato con un argomento di tuo piacimento! Abbraccio!

nella ha detto...

Mitica sua SOAVITA', una Pasquetta veramente gelida...ma sai che ti dico ?, a me poco importa....Questi "Floyd Machine " devono essere coraggiosi ed eroici. Cimentarsi con la musica dei Pink è oltremodo pericoloso... Me li segno senza alcun dubbio, e poi consigliati da Lei , Eminenz!!!!!Era da aspettarsi che "Whish you were here" fosse la più ostica a farsi , ma noi e soprattutto lei, dall'alto della sua magnanimità , so che li ha largamente perdonati... Abbraccissimo.....

nella ha detto...

Caro EVIL MONKEYS, come si può darti torto ...!!! I primi , i veri innovatori, sono sempre i vincenti.... Ma anche un secondo posto a questi livelli , non è male! Grazie infinite del tuo commento ,è stato un piacere....

nella ha detto...

TURISTAdiMESTIERE tanto preziosa quanto competente , un commento che vale qualsiasi risposta...Felicissima del tuo intervento!!!

Zio Scriba ha detto...

L'ho sempre trovata una canzone da brividi... (così come i brividi mi sono ventuti - faccio il cattivello perché sei una cara amica - leggendo "ed ieri", che per uno che già odia in generale le "d" eufoniche è veramente troppo... :D)

nella ha detto...

Col capo cosparso di cenere... caro ZIO SCRIBA , chiedo il tuo perdono! Umilmente mi inchino......Non lo faccio più!!!!!!!

Edoardoprimo ha detto...

Ciao
Il testo di questa canzone è una poesia... intensa è struggente.

Mi complimento con Te, perché riesci a dare ai tuoi lettori il meglio nel campo della musica.

Un sorriso, Edo

nella ha detto...

EDO caro , ma tu mi lusinghi....cerco solo di unire , non sempre purtroppo, quello che veramente tocca i miei gusti con quello che passa per essere novità di stagione...Se poi sia il meglio nel campo musicale , è solo bontà vostra!!! Un abbraccio di cuore e grazie!

Blackswan ha detto...

Mannaggia! La serenità e il riposo si sono già conclusi, visto che ho ricominciato a lavorare oggi. Vabbe, mi consolerei volentieri con questo dvd ma devo aspettare giugno.Allora,magari adesso mi ascolto il cd.ma si...ciao Nellissima :)

Domenico ha detto...

Album sofferto, emotivamente molto intenso per tutta una serie di motivi che hai già sottolineato tu. Segnalo la canzone "Have a cigar", bella e anticipatrice della storia di Pink, il protagonista del concept album The Wall.

nella ha detto...

NICK caro dai retta , prendi tutto con estrema calma, non fare come me che predica bene e razzola malissimo....Se ti interessa il tutto , giugno ci aspetta per svariati importanti avvenimenti e non è lontano , data la fretta che il tempo ha di passare.... Un bacione grande grande , mio capitano!

nella ha detto...

Grazie per la "dritta" caro Domenico, che non conoscevo...ma quante cose non conosco..è inutile farne un elenco....Serena giornata per te amico mio!

Adriano Maini ha detto...

Sono una miniera insesauribile di veri e propri tesori!

nella ha detto...

Hai ragione caro ADRIANO, più passa il tempo e più ti accorgi della loro preziosità... Un caro abbraccio!

Holyriver ha detto...

I Pink Floyd.
Il mio gruppo preferito.
Ancora ricordo i brividi della prima volta che li ho sentiti suonare dal vivo.
Qualcosa di stupendo.
Buon week end.
A presto.

nella ha detto...

Grandi gusti , caro HOLYRIVER, capisco i tuoi brividi!!!! Un magico week-end anche per te!

giacy.nta ha detto...

qui per augurarti buona serata e per dirti che mi sento a casa!:))

nella ha detto...

Meravigliosa dedica , GIACY.NTA....cosa aspettarsi di meglio?... Le tue parole hanno raggiunto il top! Grazie di cuore!!!!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.