............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

lunedì 8 ottobre 2018

Misteri sulla morte di Janis



Ho letto questo articolo su più giornali, su più riviste e ne sono rimasta alquanto stupita, perchè tutti siamo convinti che la nostra Janis Joplin sia morta per un'overdose.
Qualcuno di voi ha in mente un'altra versione? Sicuramente chi ammira questa artista texana ne conosce oltrechè  l'immensa bravura , la meravigliosa vocalità, i suoi enormi problemi. Un famiglia esistente ma mai avuta, la ricerca disperata di un amore che la salvasse dalla disperazione, le mille avventure sbagliate anche bisessuali,l'uso incondizionato di farmaci, droghe di diverso genere,la bipolarità , non ne fanno certo una persona libera da problema esistenziali, ma questa morte allora , ora messa in dubbio, come è avvenuta.?
 Un'amica intima della cantante , e chi ce lo conferma poi se sia vero o falso, Peggy Caserta ne ha scritto pure un libro , dove si dice che la morte e il ritrovamento del cadavere steso in terra nella stanza di un albergo, non era dovuto ad una overdose.
Perchè questa certezza? La signorina in questione era anche lei una tossico dipendente, ricoverata prima della nostra star per overdose e miracolosamente salvatasi.
La suddetta Peggy ci racconta che Janis dopo aver assunto eroina, era andata nell'atrio dell'hotel per prendere un pacchetto di sigarette, cosa alquanto improbabile per un soggetto in crisi da overdose. Camminare con scioltezza avanti e indietro e tornare normalmente nella stanza non è una cosa plausibile.
Questa testimone racconta di aver visto lei stessa il cadavere di Janis stesa sul tappeto vicina al letto ormai senza vita con le sigarette strette nel suo pugno, dopo aver assunto questo stock di eroina. E allora? Allora la nostra Joplin che portava stivaletti con tacco a clessidra era inciampata nel tappeto cadendo rovinosamente per terra e battendo il naso che aveva sanguinato copiosamente provocando l'asfissia del soggetto.
Verità , falsità, mania di protagonismo? Non è dato sapere e ha forse molta importanza tutto questo?
Nessuno riporterà indietro questa grande stella  e quindi non prendiamo come oro colato questa storia e , come sempre , andiamo avanti.
 Buona serata e abbraccioni miei cari

35 commenti:

Gus O. ha detto...

Purtroppo non possiamo conoscere la verità.
Mi dispiace per Janis.
Ciao Nella.

Annamaria ha detto...

Sempre bello ritrovarti qui, carissima NELLA. Sì, andiamo avanti.
Un abbraccione serale!!!!

sinforosa c ha detto...

Anzitutto bentrovata. Questa artista l’ho sempre amata, con quella sua voce da “nera”, con la sua straordinaria bravura interpretativa, con la sua estrosa personalità, con la sua storia personale, con quella sua morte prematura, ma prevista, visto il genere di vita che conduceva. La morte, qualunque essa sia stata, ci ha tolto una grande, grandissima artista. Buona serata, a risentirci.
sinforosa

Mondo d'Arte di ha detto...

Ciao Nella!
Non sapevo tutto ciò.
Comunque di lei si potrà dire di tutto anche se non c'è più, tante da lassù sorriderà e se ne fregherà completamente, esattamente come quando era in vita. Tutto qui e concludo.
Bacio splendore!

Alligatore ha detto...

Bello che tu sua ritornata a scrivere, un pezzo su di un vero mito della nostra musica più amata. Chi lo sa come sono morti Janis, Jim e Jimi? Forse non sono manco morti ... di sicuro sono ancora vivi nella memoria di tanti che l'ascoltano, e questo è una gran cosa. Sempre avanti Nella!

silvia de angelis ha detto...

I veri motivi di questo decesso non si sapranno mai!
Un mucchio di cose belle per te, Nella,silvia

Nella Crosiglia ha detto...

Caro GUS mai la conosceremo, molti speculano sulle morti dei cantanti o su pure invenzioni esistenziali
A noi basta la voce ed è già moltissimo!
Ti abbraccio forte

Nella Crosiglia ha detto...

ANNAMARIA mia cara , si andiamo sempre avanti ed abbracciamoci da stritolo....

Nella Crosiglia ha detto...

SINFOROSA cara , parole sagge, chi mai potrà sapere la verità se non lei? E per noi sarà sempre un'incognita..
Ma ci resta la sua grande voce e questo basta e avanza
Piacere risentirti cara

Nella Crosiglia ha detto...

MONDO D'ARTE mia bella , parole sagge, sicuramente riderà alla sua solita maniera e dirà ..l'importante che si parli di me!
Bacione

Nella Crosiglia ha detto...

ALLIGATORE caro che piacere sentirti.
Si, quante storie avvolte nel mistero o nella fantasia, ma la nostra memoria non tradisce mai
Un abbraccio forte

Nella Crosiglia ha detto...

SILVIETTA grazie me le prendo tutte queste cose belle, la memoria , quando c'è non tradisce mai..
Un soave abbraccio

Andreina ha detto...

Ciao Nella
sono felice di rileggerti e leggere un post su quello che tu ami, il mondo della musica..
Un abbraccio grande

Roberta M ha detto...

Quel che rimane è sempre e solo la loro musica.
Un abbraccione
Roby

Pietro Sabatelli ha detto...

Vidi un suo documentario poco tempo fa, ma un'idea ben precisa della sua morte mai avuta, e in ogni caso qualunque essa sia stata, la sua è stata una grande perdita per la musica.

Pamela ha detto...

Bentornata cara!
Sempre felice di leggere notizie curiose di grandi artisti! Anche io pensavo fosse stata un'overdose...
Un bacione!

Nella Crosiglia ha detto...

ANDREINA ti stringo forte..si iniziamo piano piano..

Nella Crosiglia ha detto...

ROBERTA cara, è vero ci dona sempre tanto in tutte e per tutte le occasioni
Abbraccio forte

Nella Crosiglia ha detto...

Si PIETRO, una grande perdita e purtroppo in questi ultimi tempi ne abbiamo avute anche troppe ti abbraccio amico mio

Nella Crosiglia ha detto...

PAMELA cara in questo ambiente nulla si dà per certo, tutto è possibile o impossibile..l'importante che ci resti il ricordo
Bacio

Paola S. ha detto...

Che bello, sei tornata :)
Non conosco questa vicenda, ma ogni volta mi chiedo "è possibile che intorno ai personaggi famosi girano sempre e dico SEMPRE voci più o meno fondate, sia sulla loro vita, sia soprattutto sulla loro eventuale morte?!". Tutti complottisti?
Non lo sapremo mai, noi comuni mortali :)

Marinetta ha detto...

Sei tornata... :) mi fa immensamente piacere leggerti qui nel blog
Spero che tu stia meglio ... Forza Nella! : )
un grande abbraccio ... a presto

Nella Crosiglia ha detto...

Ciao PAOLETTA, e si ci provo piano piano...Speriamo in meglio.
Molti di questi gossip sono fatti ad hoc per invogliarti ad essere più interessata su di un determinato personaggio.
Nell'ambito musicale , come in tutto quello artistico le invenzioni vanno a ruba, talvolta c'è del vero.
Ma per rallegrare lo spirito a noi basta ascoltare la loro musica.
Un bacio grande grande

Nella Crosiglia ha detto...

MARINETTA bella, piano piano cerco di riprendere il ritmo con pazienza e amore per la musica e per voi.
Ricambio con affetto il tuo grande abbraccio

kilara ha detto...

Quando queste cose saltano fuori a così tanta distanza dalla morte diffido moltissimo.Comunque godiamoci la voce di Janis!!
Buona serata!

Angela ha detto...

Cara nella, non conosco benissimo quest'artista ma mi fa tantissimo piacere leggere un tuo nuovo post!!
un abbraccio, spero tu stia sempre meglio, ogni giorno che passa!! <3

Nella Crosiglia ha detto...

KILARA mia non hai torto , spesso sono dovute alla mania di protagonismo di chi le racconta.
Abbiamo la musica delle stars che hanno molti di questi gossip e ci basta
Un abbraccio forte

Nella Crosiglia ha detto...

La situazione è abbastanza ferma mia cara ANGELA,ma io mi sono stancata di scrivere sempre di medicine e operazioni, quindi cerco disperatamente di cambiare programma ..e sarà quello che sarà
Una felice fine settimana

Hachi ha detto...

Voce splendida. Sapere esattamente perché è morta non ce la riporterà indietro purtroppo. Felice di ritrovarti a parlare di musica. Abbracci forti.

Alessandra ha detto...

Purtroppo rimarrà un mistero; certo è che è scomparsa una grande artista
Bacioni

Lorenzo ha detto...

Stamattina ascoltavo Radio Radicale che cercava ancora di vendermi la sua propaganda circa la necessità di "normalizzare" l'uso delle droghe come una abitudine ricreativa. E' una cosa che va avanti dai tempi in cui la musicista di cui sopra era in auge e fa parte di un progetto di ingegneria sociale su scala planetaria. Che la gente ci lasci le penne è previsto come inevitabile "sfriso" del procedimento. Tenendo presente che nessuno è perfetto, oltre una certa età bisognerebbe avere il buon senso di scegliersi i "modelli", invece di farseli imporre.

Nella Crosiglia ha detto...

Abbracci forti pure per te cara HACHI, cerchiamo di ritornare piano piano e non chiediamoci delle morti di famosi cantanti o delle loro sparizioni, non sapremo mai la verità!
Ci basta la loro voce e quello che hanno fatto!

Nella Crosiglia ha detto...

Hai ragione da vendere ALESSANDRA , mai chiederci il perchè di una verità dubbia, meglio ascoltare con ammirazione quello che ci hanno regalato.
Baci della sera cara amica mia

Nella Crosiglia ha detto...

nessuno caro LORENZO voleva prendere come modello un personaggio musicale. Personalmente io mi interesso di musica e la vita dei cantanti con la loro maniera di viverla incide spesso profondamente sulla loro produzione.E questo fa parte anche delle loro canzoni a volte.
Ti auguro una buona serata

Lorenzo ha detto...

Non hai capito il punto. I "cantanti" non si limitano a cantare, sono dei modelli "giovanili" e tanto più lo erano alla fine degli anni Sessanta e negli anni Settanta. La gente imitava non solo come si vestivano, come si pettinavano ma imitava anche i "messaggi" che i "cantanti" distribuivano con le canzoni e in generale con il "contesto culturale" nel quale si muovevano e del quale erano espressione. Si arrivò al punto che in Italia non potevi essere "cantante" (e nemmeno attore) se non manifestavi pubblicamente la tua ortodossia comunista. A De Gregori, nipote di un partigiano eliminato dai Comunisti perché si era opposto a facilitare l'annessione di territori italiani da parte delle armate yougoslave, fecero un celebre "processo del popolo" durante un concerto. De Andre e Gaber litigavano perché il secondo accusava il primo di essere troppo "borghese" con testi disimpegnati e cosi via.

Nell'ambito della "rivoluzione giovanile" gli "idoli" dovevano essere esempi di controcultura e questo significava rompere gli schemi. Ovviamente si definiva un conformismo dell'anti-conformismo ma all'epoca, cosi come oggi, pochi se ne accorgevano. Rompere gli schemi significava respingere le convenzioni della "morale sessuale" e fare uso e abuso delle sostanze di cui all'epoca non erano tanto chiari gli effetti a medio e lungo termine. Ironicamente, non era niente di nuovo, i rampolli dell'aristocrazia e dell'alta borghesia da sempre indulgevano in quei vizi, solo che li consideravano vizi e non virtù e segno del progresso come invece si faceva nel periodo in questione.

Sulla relazione tra vita sregolata, droga e qualità della produzione artistica, sono dubbioso. Secondo me c'è un collegamento inverso, ovvero gli "artisti" sono per natura persone problematiche e quindi hanno la tendenza a comportamenti eccessivi e necessariamente auto-lesionistici. Un po' come, che ne so, i piloti di moto, che fanno quel mestiere non solo perché hanno una certa coordinazione e sensibilità nel guidare ma anche perché non percepiscono il rischio di ammazzarsi come fa una persona "normale" e quindi fanno cose che pochi farebbero.