............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

giovedì 22 settembre 2011

VINCERO' - ANDREA BOCELLI

Articolo di Nella Crosiglia

Al Central Park di New York, miei cari sappiamo che si sono solo esibite le più grandi stars musicali , tanto per fare due nomi a caso, Simon e Garfunkel e mettiamoci , per la nostra bandiera Pavarotti.Ma abbiamo un altro cantante prestigioso che ha un rapporto ed un legame speciale con l' America : Andrea Bocelli

Esattamente 18 anni dopo Pavarotti, Bocelli ha conquistato se, ancora ci fosse stato il bisogno, il cuore degli americani.Ha cantato sotto una fitta e noiosa pioggerellina che non infastidiva nessuno , presi da questa ugola divina,il 15 settembre accompagnato dalla New York Philarmonic Orchestra.

Molti i colleghi che lo hanno sostenuto da Tony Bennet a Cèline Dion,nel loro memorabile duetto "The prayer" ancora una volta artefice di emozioni stratosferiche tra i presenti.Settantamila i fortunati possessori dei biglietti di questo concerto , trasmesso dalle tv di mezzo mondo e l'8 dicembre in Italia sia in dvd che cd, quindi un pochino di pazienza e tutti saranno accontentati.Andrea ha vinto tutto e tutti, compreso il freddo, il vento , il maltempo, la delusione di non poterlo vedere da vicino , ma una scrosciante ovazione ha spezzato la sua usuale emozione, la gente che applaude gli allarga il cuore, lo riempie di affetto , gli fa sentire tutti amici in un unico cerchio.

Nel backstage si può incontrare di tutto e di più, da Caterina Caselli a Sting , ma soprattutto la sua amata compagna Veronica Berti , sempre al suo fianco , anche in questo delicato momento della sua gravidanza iniziale.L'inizio del concerto con le note dell'overture della Forza del Destino, ha lasciato i respiri a mezz'aria, ma l'entrata di Bocelli con la Donna è Mobile , dal Rigoletto di Verdi , è solo una cascata interminabile di applausi..La voce è in forma smagliante ,150 minuti di musica da Volare alla sopracitata "The prayer" dedicata  a Liz Taylor, ma tutta questa poesia è soprattutto per il padre di Andrea che ha sempre considerato il punto d'arrivo di un artista , suonare al Central Park.E via ancora con " New York , New York" per concludersi con la classica" Nessun dorma" della Turandot di Giacomo Puccini.

Alla fine su tutto, il tempo si è fermato. I marciapiedi della grande mela sono zeppi di gente, che hanno nel cuore un'esperienza indimenticabile.Fare piacere alla gente con il suo canto è per Bocelli la cosa più importante, sia un avvenimento prestigioso, come un compleanno di un amico. La generosità è anche nella semplicità di questo individuo, ricco di una dote molto rara ai nostri giorni :la modestia!


2 commenti:

Antonella Riviello ha detto...

Una grande personalità ed una voce che rabbrividisce, emozioni che segnano ...

nella ha detto...

Come sempre , osannato in America e leggermente sottovalutato in Italia.....

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.