............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

venerdì 19 novembre 2021

Un po' di riposo in bianco


E allora ragazzi miei credevate che io fossi sparita improvvisamente? E invece no ..eccomi qui. Esami..perchè..perchè come sempre anche se ho patologie strane dopo avermi rivoltato come un calzino non trovano nulla , E allora ? Si ricomincia da zero. Divertente vero? Per gli altri forse , per me un po' meno. Ora c'è la pausa vaccini e anche l'antinfluenzale, ma come la metteremo, che cosa si farà prima. Sinceramente non lo so, ma non lo sanno neppure i grandi capi. Forse la prossima settimana avrò una risposta, precisa esatta , voi credete? Ho molti dubbi..vedremo. Posso dire che in questi giorni di esami mi sono pure riposata, mi rimpinzavano di giornali non certo nuovi, ma di ameno mesi fa, ma ho letto cose che non conoscevo e ve le propongo se gradite. Ho letto una biografia di Jean Paul Belmondo( non mi era molto simpatico) non lo conoscevo molto, non mi sembrava così uno sciupafemmine..e invece..mi sbagliavo .

Quel viso così strano che tutti pensavano si desse alla boxe, mai fatta , nato da una famiglia agiata, non era povero ed infelice come il suo rivale di sempre Alain Delon, ma ha portato la sua infanzia  allegra e piena d'amore fino all'ultimo.Padre scultore ( piemontese) e madre pittrice, fu costretto a frequentare scuole lussuose ma non durò molto. Il suo naso fu ridotto così per una rissa tra amici e in un collegio di prestigio, non poteva essere accettata. E' mancato ad 88 anni, ma sempre con la sua .filosofia" Mille vite , la mia!" Non ha mai aspettato nulla, vivendo le sue esperienze come un gioco e con estrema naturalezza. Una macchina cinematografica perchè si divertiva, tra telefoni impazziti e un successo assicurato dopo la pellicola "Fino all 'ultimo respiro" diventato  un manifesto della nouvelle Vague, un cinema  selvaggio, che andava a meraviglia con il suo sorriso sfrontato, pur non sentendosi un simbolo. Prendeva tutto, dai film di grandi registi,  ai polizieschi, all'avventura, alle commedie, fino a diventare il re degli incassi francesi. Era una icona, bastava il suo viso, il suo sorriso, il suo nome, e la pellicola poteva essere terminata, qualsiasi trama era indifferente , bastava dire " C'è Belmondo dentro" e il gioco era fatto. All'Accademia il suo professore era convinto che non avrebbe mai potuto abbracciare una donna con quel viso, ma lo vide con Ursula Andress in teneri atteggiamenti e si schernì dicendo" Si fa poi quel che si può" . Da ragazzina mi disturbava , ma da adulta apprezzo questo suo modo di vivere le cose, perchè entrava nel suo DNA con naturalezza, con semplicità in poche parole era se stesso. Gli amici lo chiamavano Pepel , il ladruncolo di turno, trasformato poi in Bebel per tutta la vita, Nome così adatto non poteva indossarlo che lui, affascinante e non convenzionale, quattro figli da due mogli, senza contare gli amori, intensi e passionali che fecero epoca con la Andress e la nostra Laura Antonelli. Sembravano sempre i più giusti .... e poi finivano! Mi sono anche chiesta chi i francesi in maniera particolare avrebbero preferito ; Belmondo o Delon  due opposti, uno stile di vita, un sorriso caldo contro uno sguardo gelido, una battuta pronta contro un eloquente silenzio. Sono stati rivali, amici, interpreti di film assieme, come" Borsalino" successo internazionale. Solo una volta Bebel reagi', quando il suo contratto prevedeva il suo nome prima di Delon, fece causa e vinse. Oggi ne resta solo uno che ancora pensa di esserne completamente devastato. Tutto questo mi fa pensare quanto la naturalezza sia l'arma vincente in una persona, soprattutto oggi che manca persino la naturalezza fisica, oltre il comportamento che ci incastra nei ricordi del passato, nella paura di fare gli stessi errori, , nei rimpianti, nelle delusioni. E allora si sbaglia, ma meglio sbagliare andando avanti con naturalezza , che portarsi dietro un fardello ricco di rimpianti. Bebel non l'ha mai fatto. Guardava avanti e prendeva quello che gli piaceva..Vi inserisco una canzone nuova e sempre dello stesso autore , questo giovane ragazzo  Andy Matteo che aveva le porte già aperte  e le ha dovute abbattere per rinnovarsi. Mi piace questa freschezza, dove vedo intorno a me  anche cose , non molte, pregevoli, ma forse precostituite o che mi ricordano qualche altra cosa. Mi piace vedere i ragazzi che tentano ancora di risalire dove le botte che hanno prese sono state quasi mortali e dove la completa pulizia della persona deve essere ancora migliorata. Non la pulizia morale , ma la pulizia verso il passato, perchè è come rinascere a nuovo e il passato non esiste più, se non come qualche ricordo sfumato o fa male. Bruce Springsteen ha fatto una sua canzone intitolata " No surrender" e ripete pure " No ritreat"..nessuna ritirata e nessuna resa, sono parole ma quanto importanti. Non si torna indietro mai, non serve a nulla. E in questa bella nuova canzone che vi propongo" She was meant for me"  ( era destinata a me)c'è ancora della polvere da togliere, perchè si può giocare con la malinconia e rattristarsi sulle cose non fatte , ma lo sguardo deve essere rivolto sempre davanti o si è è ancora fermi sullo stesso punto. Ma ve la voglio far conoscere, perchè senza banalità ricercate si parla di un amore che poteva anche essere quello giusto , ma il potere no è lo stesso che riaverlo e non si devono trovare surrogati per lo stesso amore, solo il nuovo ci serve sempre anche se può esser sbagliato. Si fa come Bebel, si va oltre, si va avanti, si arriva alla meta. Ma ascoltatela , se non altro non ci saranno le solite parole di luna e amore, cielo e lacrime, nostalgia e pianto, ma sicuro c'è un nuovo pregevole stile. E dico ancora bravo Andy! A voi la parola! https://youtu.be/SO0cYyMmlQI

   

18 commenti:

silvia de angelis ha detto...

Sempre speciali, e interessanti i tuoi articoli, nei dintorni di artisti variegati alla ribalta e non...
Auguri per la tua salute carissima, e un bacione, silvia

J_D_La_Rue_67 ha detto...

Ciao Nella!
Eh, che pezzo da 90 che mi tiri fuori, Belmondo, la quintessenza della simpatica canaglia francese (che poi francese, con quel nome...). A me è sempre piaciuto, l'ho sempre trovato più simpatico di Delon, troppo "gelido". Non c'è niente da fare, i "Macaronì" hanno quel qualcosa in più... insomma Belmondo, Yves Montand, Lino Ventura... è la loro parte italiana che fa la differenza.
Che poi Belmondo e Delon, per quanto "rivali", hanno lavorato bene insieme in "Borsalino".
Bello come al solito il pezzo di Andy. Temo che non diventerà mai una "superstar", ma nella sua nicchia di mercato è un artista coi contro... ehm! Così a senso, ascoltando questo pezzo mi vengono in mente Bob Dylan e Kenny Rogers. Non accetto critiche su questo, non è meditato, è istintivo! Ah, sapessi quante volte ho pensato: "She was meant for me"... Peccato che fossi l'unico a pensarlo! Ahahahah!

J_D_La_Rue_67 ha detto...

Comunque, ho un nuovo progetto lavorativo: devo catalogare la biblioteca personale di un sacerdote, insegnante di filosofia e teologo, e lo faccio nel posto in cui lui viveva e studiava. Il suo appartamento è diventato una biblioteca (ci sembrava giusto lasciare tutto com'era). Io metterò in rete le schede di tutti i suoi libri. Vuoi sapere cosa ascolto mentre lavoro? Anche se non vuoi te lo dico: finora ho risentito: Chinese Restaurant dei Krisma; Defenders of the Earth dei Judas Priest; Paranoid dei Black Sabbath; Concerto Grosso dei New Trolls; Uomo di Pezza e Felona e Sorona delle Orme; Dolce Acqua dei Delirium (l'atmosfera è particolarmente adatta al prog rock italiano)... e varie altre amenità.
Non ti metto link di canzoni, giusto questo:

https://www.youtube.com/watch?v=LHMhQLw3XJc



J_D_La_Rue_67 ha detto...

Ooops, mi è scappato un Earth! Volevo dire dire "Defenders of the Faith" dei Judas Priest. Il vero unico e (quasi) solo gruppo Heavy Metal.

Gus O. ha detto...

Nella, pensa che quando ho cominciato a scrivere nei blog il mio avatar era Alain Delon.
Ho fatto strage di cuori. Belmondo un simpaticone.

Bobby Han Solo ha detto...

Eccomi per un saluto e per un ascolto al pezzo che hai proposto. Buona giornata Nella.

Nella Crosiglia ha detto...

Grazie SILVIETTA mia sempre gentile e presente. Unisco un pochino il vecchio ma sempre evergreen al nuovo , quando mi sembra meriti di essere conosciuto meglio. Spero di non annoiarvi!
Bacio soave

Nella Crosiglia ha detto...

Bello il mio J.D.LARUE sapevo che avresti subito simpatizzato per Belmondo. Bisogna dire che era un bel confronto, così diversi ed ugualmente amati. Forse meno Alain. Era di una bellezza strepitosa, anche se crescendo non mi piacciono i troppi perfetti,.Scopro più adesso Belmondo Guardando qualche suo film e qualche trailer e sinceramente la sua mimica e simpatia è innegabile.A noi donne piace il mascalzone di turno , ma sinceramente non so stilare una classifica. In quanto ad Andy lo trovo sempre fresco e piacevole, ho ancora qualche canzone da farvi ascoltare e poi arriveremo al giudizio finale. C'è molto Dylan ( orecchio fino hai ragione) ma lui lo ama da impazzire, ma non riuscirà mai ad eguagliarlo, anche se furbescamente , sapendo i suoi limiti, lo raggira bene. E come sempre anch'io dico bravo Andy!
Un bacio speciale e scrivi ancora.

Nella Crosiglia ha detto...

Solo tu potevi andarti a scegliere questo lavoro...Mi è venuto subito da ridere: il sacro ed il profano. Curiosa di come la metterai in ordine. Fammi sapere. Incalzato poi dalle musiche che hai scelto( mica pappa e ciccia) ci sono delle cose pregevolissime ( sempre a mio gusto)... e scegliere poi anche quella perla italiana di "Concerto grosso" è da fenomeni!!!
Grazie per il link veramente apprezzato ed ora mi guardo i ritagli (mai fatto) di Bebel)
Grazie mio mentore. Sono sempre qui in attesa di una boccata di aria fresca!!!!
Buona notte!

Nella Crosiglia ha detto...

JDLARUE mio caroa nche se non l'avessi corretto Conosciamo la particolatità di questo gruppo..don't worry...kisssss

Nella Crosiglia ha detto...

Posso farti una confidenza caro GUS . Anche senza l'avatar di Delon, penso che il numero di followers non sia diminuito di molto...
Grande abbraccio serale!

Nella Crosiglia ha detto...

Buona serata mio caro BOBBY HAN SOLO,felice di sapere le tue impressioni.
Trascorri una gioiosa serata domenicale! Bacione

Bobby Han Solo ha detto...

Beh in un mondo musicale inquinato da campionamenti ed autotune, fa piacere sentire qualcuno che canta e suona davvero, anche se il sound è prettamente americano ed evoca esattamente quello che si vede in copertina, cioè ampie distese Western.

Bobby Han Solo ha detto...

Beninteso, non voglio dire certo che il sound americano sia un male eh... Tutt'altro. D'altronde qui nel tuo blog si respira aria springsteeniana😜

Pietro Sabatelli ha detto...

Immancabile Andy ;)
Belmondo? Conosciuto come attore, anche se pochi suoi film visti, comunque era davvero "videogenico".

Nella Crosiglia ha detto...

In effetti in prevalenza può sembrare questo mio caro BOBBY HAN SOLO. Questo suo album è prevalentemente folk con qualche sfumatura country, e quindi tipico americano. Ha fatto altre cose, ha suonato e studiato Jazz ma se vuoi dimenticare il passato in maniera drastica che non ti ha fatto certo bene, opti per altre vie. Speriamolo mio caro , lo merita!
Un bacio serale

Nella Crosiglia ha detto...

ahahahah mi fai ridere caro il mio BOBBY HAN SOLO. In effetti i miei polmoni vanno a gonfie vele....ahahaha...Confesso che ho sempre scritto con grande trasporto i post di Bruce, forse conoscendolo da tanto tempo, ma mi sono intossicata anche da altra aria...non sempre benevola. Sei simpatico!!!

Nella Crosiglia ha detto...

come sempre le parole di PIETRO restano scolpite nella mente. Brevi , a volte poche, ma essenziali per centrare in pieno i vari personaggi che io scrivo. Grazie per Andy mi fa piacere. Sono simile a te per quanto riguarda Belmondo, anche se per ora capisco meglio le sue qualità.
Ti stringo forte!