............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

lunedì 30 gennaio 2012

Paul , l'uomo che visse due volte!

Quando parlo di Paul mi riferisco a McCartney e le domande che mi vengono i mente sono sempre due, a parte le personali, che non hanno un' importante rilevanza. Perchè questo quasi settantenne piace ancora? Perchè è simpatico ai più o a quelli che fanno parte dei suoi più stretti collaboratori o alle persone che hanno avuto modo di frequentarlo? Perchè è così democratico, generoso, altruista , sportivo, come dicono gli intimi? Perchè potrebbe essere un' altra persona? Quanti, quanti perchè che resteranno sempre senza una valida risposta , ma  vale la pena di pensarci un attimo.

E' indubbio che ha dato molto , ma perso tanto, però ha anche avuto una fortuna sfacciata. Perchè ai suoi concerti ci sono ancora file di ragazzini nell'attesa di entrare? Non è certo un'icona beat o un rocker leggendario, ma ci crediate o meno , durante le prove di ogni suo tour non c'è tensione e si ride di gusto.Viene definito un killer come compositore , capace senza sforzo , di sfornare canzoni indimenticabili.

Quando inizia a cantare, questo mancino signore del basso, in ogni suo concerto , la platea vibra, anche se qualche canzone ha un'e tà che si definirebbe preistorica.

Gli amici- nemici se ne sono andati  ma lui è lì diritto come un fuso( merito della bicicletta?), come l'amico della porta accanto che ha vinto un terno al lotto E' un grande commediante, spinge sul pubblico mescolando le vecchie intramontabili canzoni dei Beatles  e con questo magistrale "oplà" conquista anche e sempre il pubblico italiano.Canta 39 canzoni una dietro l'altra , si sofferma nel backstage per una chiaccheratina, è sorretto dalla classica flemma inglese. Beato lui! Il tempo è una costante della sua vita. A Liverpool , sua città natale , vorrebbero beatificarlo, ma lui si diverte di più cantando.Le attempate ragazze ne erano tutte innamorate e lo sono ancora oggi e gli perdonano scelte sbagliate e soldi buttati al vento. E la concorrenza? Non sembra preoccupato, non pensa ad una reunion dei Led Zeppelin, o Dylan che continua a far sentire il suo motore, o Neil Young he non smette di stupire.Ma per Paul tutto questo ha poca importanza . Lui è la raffinatezza , la soundtrack che ogni films vorrebbe avere , il resto è solo storia. Ma in tutto questo un mistero c'è.. Ed è tutto raccolto nella famosissima copertina di " Abbey Road" Guardiamola bene, che ne direste se vi svelassi che proprio in questa foto, c'è l'intrigo di un giallo.? Ricordiamo una cosa importante . Il Paul McCartney dei Beatles non aveva o non mostrava di a vere lo stesso carattere di adesso. E' pur vero che con il tempo si può cambiare , ma a volte in peggio. No, Paul è migliorato. Scordate le epocali liti con John Lennon, finite sempre in qualche bar per dimenticare , annegando le urla nell'alcool...E fermiamoci un po' a queste liti.

Si narra che dopo una di queste particolarmente furiosa, d'impeto Paul prese la porta , andò sulla sua macchina ed a velocità folle si schiantò al primo palo di una strada poco illuminata, morendo sul colpo. Si dice che invece si rifugiò in uno dei soliti pub a tracannare birra scura con pindas o patatine, ed una di queste gli andò per traverso , facendolo morire soffocato. Leggenda? Certo o forse? Non mi dite che non avete mai sentito la storia di McCartney morto, perchè non ci credo.Ma la perdita di questo eccletico bassista sarebbe stata la rovina per tutti.Eravamo nel 1966 e c'era un nuovo disco da promuovere , i Beatles erano al massimo dello splendore ed allora ? Ecco che arriva il signor William Campbell poliziotto canadese con l'hobby della musica e soprattutto del basso, molto spesso dentro l'entourage del gruppo.Ecco i due a confronto. Qual'è il vero e qual'è il falso?La leggenda dice che dopo varie plastiche ( non molte per la verità ... la più difficile abbassarlo un pochino ,modificare l'attaccatura dei capelli, nascondere una piccola cicatrice con i baffi..) e dopo varie lezioni di canto e musica , il signor William , ribattezzato Billy Barattolo ( dal cognome della famosa lattina), entrò definitivamente nei panni di Paul. Non ci furono infatti più concerti live del gruppo , solo nel 1969 un concerto sul tetto di un grattacielo di Londra.

E veniamo alla copertina del disco. Guardate McCartney. Non ha le scarpe rispetto agli altri del gruppo, è leggermente spostato dalla traiettoria dei quattro, tiene la sigarettta con la mano destra ( e per un mancino è cosa rara) e se notate la targa della Wolkswagen bianca, le lettere ed i numeri vi svelano il messaggio di "Linda vedova il 28 e relativa data..." Curioso , no? Le copertine a volte parlano più che le voci.

In un altro disco singolo, Paul ci appare dentro un baule , se lo vedete in verticale , ma se girate l'immagine il baule è una bara. In un'altra copertina regge un cartello trasversale con scritto " I was ... io ero..." , e l'immagine dell'album "Stg, Pepper 's Lonely Heart"?Provate un po' a cercare quanti svarioni ci sono...Mi accorgo di avervi annoiato abbastanza,ma l'idea che tutto questo grande successo che continua ancora sia opera di un'altra persona, mi diverte non poco. Una confidenza : a me questo Billy Barattolo è più simpatico dell'originale.






6 commenti:

Blackswan ha detto...

P.I.D. è una delle storie più affascinenti del rock, tra l'altro non così campata in aria, vista tutta una serie di indizi di carattere scientifico.Sull'argomento avevo scritto un post anche io, quando l'anno scorso uscì un libro interessantissimo ( te lo consiglio,se non lo hai letto )dal titolo " Il codice McCartney ".
Abbraccio,amica mia :)

Massimo ha detto...

Post interessante e doveroso vista la caratura del personaggio.
L'ipotesi è suggestiva, ma come dice sempre Nella ciò che non si può toccare...:)

Il libro è questo: Codice McCartney

certo se non è lui ha imparato molto bene il mestiere!!
Uno dei più grandi songwriter di sempre!

un saluto

nella ha detto...

Lo leggerò senz'altro caro BLACK.. queste cose mi intrigano, anche se sinceramente , sono molto scettica! Grazie e buona giornata di gelo.... Bacio!

nella ha detto...

Grazie MASSIMO, sempre generoso , verso i miei confronti... Si , io sono un po' san Tommaso, ma poi a pelle , agisco d'istinto, uno dei miei tanti controsensi caratteriali....Chiunque esso sia , sir Paul ha fatto una "brillante " carriera... Un abbraccio!

Granduca di Moletania ha detto...

Certo che se la storia fosse vera (cosa che dubito), con Billy Barattolo l'umanità ci avrebbe fatto un affarone. Suona meglio dell'originale, è più simpatico dell'originale, sino ad oggi ha scritto un sacco di hit e per di più è anche un democartico.
Ma cosa si potrebbe volere di più ?
Semmai la difficoltà sarebbe stata nel trovare un un anglosassone mancino, che suoni il basso , la chitarra e il pianoforte, che assomigli all'originale, che sappia di musica e che sappia anche comporre.
Comunque, che sia Paul o Billy, per noi ormai poco conta.
La storia però è sempre bella ed intrigante.

Un abbraccio.

nella ha detto...

Sua Soavità , vero o falso che sia , 'sta storia ci rende simpatico questo Billy e di conseguenza , anche più simpatico Paul, che in verità, non lo era affatto.... Mistero su tutte le linee... o più semplicememte...con l'età si migliora! Un abbraccio devoto, caro GRANDUCA!

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.