Lettori fissi

Dall'amore spesso non nasce la musica,

ma dalla musica spesso nasce l'amore!....


martedì 29 luglio 2014

Il diluvio Universale, Collisioni , terza ed ultima parte!



Ed eccoci , finalmente, direte voi...arrivati alla fine del tutto...Avrei voluto scrivere prima questa trilogia , ma il vortice degli impegni che mi assale sempre, appena arrivata a casa , più l'inizio del terzo girone infernale delle visite di controllo , me l'hanno impedito. Scusatemi e cerco di correre ai ripari!
 Ringrazio prima di tutto  il Blog della bella POISON, che mi ha nominata con gentili parole, ma anche lei è bravissima a farvi entrare in questa atmosfera particolare. Grazie amica mia!
http://revolart.it/wp-content/uploads/2014/07/DF.jpgGrazie proprio a Poison, mi sono dimenticata di elogiare un grande personaggio che avevo dimenticato, Dario Fo, errore imperdonabile..L'ho proprio scontrato prima dello spettacolo, solo triste malinconico e quasi assente. Ho provato una stretta al cuore dico la verità, perchè so cosa si prova a perdere una persona che ti è stata vicina per tanti anni ,e ti ha abbandonato da poco tempo. Vorresti ancora condividere qualcosa con lei, vorresti ancora vederla sorridere insieme a te ..invece l'immagini solo, ma non è la realtà e hai bisogno di gente intorno per distrarti per non pensare molto. Una vera stretta al cuore Maestro mio, lo si vedeva dalla sua performance , che ha voluto fare circondato dai ragazzi del suo laboratorio,dalla mancanza di attenzione che i giovani molto spesso non gli davano nella giusta misura impazienti dell'arrivo di Caparezza, dell'invito a chiamarlo ancora che mi ha realmente spiazzato, perchè dentro queste parole c'era tutto il timore della solitudine e dell'abbandono. Ti capisco bene Dario , ci siamo stretti la mano e ci siamo intesi, non c'era bisogno di parlare!
http://lh5.googleusercontent.com/-2jJ4qRGlIFw/U85gpRqVMgI/AAAAAAAAhbA/g6YYvjF7Cdw/21072014-_ALB8281copia_.JPG?imgmax=150Grande finale con l'arrivo del camaleontico Neil Young, e chi se lo scorda questo omone solido e compatto , vincitore di mille battaglie?Non sta a me ripetere tutta la cronistoria della sua vita, perchè ho la presunzione che chi più chi meno lo conoscano, ma desidero  solo ricordare il suo carattere , pronto ad ogni sfida e ad ogni battaglia, a condividere con altri , mille e più concerti per beneficenza, a lottare contro la sua epilessia, a suonare con un aneurisma conclamato e farsi ricoverare a concerto finito...Questo vi basta per far capire un po' il carattere di questa roccia. Uomo caparbio, di difficile incontro, litigioso quanto basta, ( ne sanno qualcosa i suoi figli), ma quando si parla di musica ..dimentichiamo tutto!
 E improvvisa , terribile , a catinate , quella sera prima di lui in un tripudio di vento e tuoni e lampi è arrivata la bufera.. A nulla sono valsi i ripari sotto il palco , mentre guardavo la moltitudine di persone ritte fiere in piedi che lottavano con la tempesta. Anch'io ho fatto del mio: vestita più leggera delle altre sere( sic) 18 gradi di temperatura, uno scarno k way che non tratteneva neppure una pioggerellina di marzo,le scarpe di pezza completamente infangate e zuppe, un telone di plastica gentilmente offerto dal cineasta, che sventolava a destra e a manca come una bandiera, quindi le catinate d'acqua avevano la meglio da tutte le parti..Ma appena si avvicinava l'ora del Divino, anche la pioggia non ebbe il coraggio di disturbarlo..Come per incanto , tutto quel terribile temporale cessò e ci godemmo  il concerto al freddo e bagnati come pulcini Ma che gioia nei nostri volti, ho conosciuto persone come l'avessi frequentate da cent'anni, tutti uniti, tutti per uno,e la cosa più emozionante che sono entrate nel mio blog per non perderci. Amorevoli creature..non tutti però adesso che ci penso bene, beh io vi aspetto , arrivate pure con ritardo, sono sempre qui!
La grinta di Neil è paurosa. Lo abbiamo incontrato prima del concerto per strada con un trasportino da golf  che si avviava a mangiare qualcosa , enorme, immenso, squadrato, da far quasi paura. Budzmann, Boogie man, l'Uomo Nero , chiamatelo un po' come volete, ma rende l'idea. Poche parole , qualche frase smozzicata , vi fa intendere che non ha tempo da perdere e allora aspettiamolo tra le quinte, ammiriamolo sul palco, questo mostro musicale. Vi dico solo una cosa e la dice tutta, avesse fatto la sua performance completamente da solo , senza i suoi" Crazy Horse", che sono da vedere perchè non so quali anni possano rasentare , ma come cipiglio fanno invidia ad un ventenne..., ebbene dicevo , avesse fatto anche una performance con mille elementi , bastava lui solo per farci capire la giusta maniera di suonare, sia in acustico che elettrico.Straordinario, imbranca la chitarra come se fosse una spada per affilarci tutti sotto il colpo da maestro delle sue note e della sua voce. Gioca e gigiona con " Blowin' in the Wind" facendoci capire che può cantarla meglio di Dylan ma questo non me lo devi fare ,( il mio Poet non me lo tocca nessuno...), testa bassa , cappello in testa, questo gigante in nero sorride a volte guardando i suoi fidi musicisti  e ci sfida a colpi di chitarra da farci incrinare le gengive. Un bis non di più, Neil non si concede..noi anche con la broncopolmonite , saremmo stati lì fino al mattino..E invece , dopo aver ringraziato e salutato la grande ospitalità di Collisioni, ci siamo diretti verso le auto, con il fango fino alle ginocchia, ma così felici come da tempo non eravamo stati mai... Arrivo in albergo e il giorno dopo , purtroppo, si ritorna alla vita reale. Sperando di non avervi annoiato più di tanto con queste mie riflessioni, vi dò appuntamento( e incrocio le dita... .), con Collisioni , l'anno prossimo. Chi mi ama , mi segua!!!!

sabato 26 luglio 2014

Seconda parte. Collisioni...



Bene ragazzi, rimpinzati di plin al sugo di brasato, maiale con nocciole,bunnet del luogo etc etc ..ci avviamo agli ultimi due giorni con cambiamento totale climatico.La temperatura si abbassa improvvisamente, avrete portato qualcosa di pesante no? Eh..no..solo un misero k way e scarpe di pezza , ma quello che conta è la voglia di fare...Terza giornata e terzo round. Giro per Dogliani, da visitare , interessante, mezza mattinata libera..che goduria....E nel pomeriggio con quel poco che avevamo sullo stomaco( sic) , via tra la pazza folla!
In effetti è aumentata devo constatare, molto più giovani , ma c'è Caparezza , affezionato a questi luoghi mi sussurrano e portatore di gran casini tra la folla. Ma la nostra security è d'acciaio!!!Ci sorbiamo un po' di Travaglio( mi scuso dal profondo del cuore, ma la mia digestione era molto lenta), Rivedo con piacere Susanne Vega , ma quanti anni sono trascorsi da " My name is Luka"..tanti senza alcun dubbio, ma mi sembra ancora più carina, più donna, per qualcuno il tempo non è impietoso..beato lui o lei che sia! Gradevole anche se un po' soporifera, ma la simpatia è dalla sua parte.Ed ecco il grande show di Francesco de Gregori......il Principe per eccellenza , il" guardate che non sono io"( fatta la canzone , scritto il libro) e compratelo che ve lo firmerà senza alcun dubbio..ahahahah!Mi sta molto simpatico, cosa volete farci , ognuno ha le sue debolezze, ma veder fregare le persone in questa maniera così astuta , mi riempie di goduria repressa, essendo lui un ariete come me, con la differenza che non sarei mai capace di lasciare il pubblico a fine intervista con tutti i bei libretti in mano , firmandone solo dieci e sgattaiolando con perfetta classe. Francesco sei un mito , te lo pure detto, dubitando della tua identità, ma tra segni zodiacali ci intendiamo. Una ventata di serietà con Milo Manara..attesa..il maestro è impegnato , mi guardo intorno i suoi fumetti erotici sono un incanto, chiedo il prezzo di un quadretto e la cifra di 8300 euro mi destabilizza, sono tentata di fuggire , ma la vigliaccheria non è il mio forte. Agguanto due cartoline gratis( forse le dovevo pagare 19 euro) e attendo il maestro, passando pure per possibile acquirente, mi spiega le tecniche , il tratto, in breve la giustificazione del prezzo( sob)..e vado via contenta di averla scampata!
Prendo respiro e mi avvio dall'amico Antonino Squillace, in arte Tonichina, autore di pregevoli ed originali opere che vi consiglio di ammirare su facebook e di prendere in seria considerazione anche come prezzo, se volete arredare la vostra dimora in maniera originale e nuova.
E veniamo alla sera con Caparezza come reuccio e vi garantisco che la sua fama tra i giovani e anche meno, è grandiosa.La piazza è gremita all'inverosimile dalle due del pomeriggio, tutti protesi verso il nostro eroe, che ha oscurato Fedez e Salmo. Siamo tutti "sclerati" in avanti, come tanti bambini in uno spettacolo circense. E' un giullare perfetto, furbo , malandrino e serioso che ti incanta e ti fa sorridere per le sue trovate, ma capisci che dietro al tutto, c'è un cervello e molto lavoro..
 Il cielo minaccia, il vento si alza, due goccioloni grandi come pietre annunciano l'impossibile. Fuggiamo prima, in tempo per arrivare alla macchina, senza essere completamente fiondati da una cascata d'acqua. Circa due ore per tornare a casa( dieci minuti solitamente), strada invisibile, incidenti di percorso, autoambulanze,siamo vivi e anche felici.Penso ai poveretti che sono rimasti fedeli fino all'ultimo al loro idolo, ma non sapevo quello che doveva capitarmi il giorno dopo e...il seguito alla prossima puntata!Abbiate fede!!!!!

giovedì 24 luglio 2014

Et ..voilà...Collisioni...parte prima


Ed eccomi qui miei cari, felice di potervi almeno dare un'infarinatura di quello che ho potuto godere in queste Collisioni 2014.Tanto da vedere sentire assaporare condividere..mi ci vorrebbe un giorno intero per farvi realmente gustare l'essenza del tutto, ma come sempre cercherò di portarvi con me e con le mie modeste impressioni in questo enorme giro dell'arte.La prima voce spiacevole e quella che l'avvenimento non si farà più nella solita location, ma forse in Emilia ..non me ne vogliano gli emiliani, capisco che gli spazi sono infinitamente più grandi, ma era ormai un'abitudine emigrare un po' nelle meravigliose Langhe, con il loro profumo di fieno, di uva, di vino , di bontà culinarie che in pochi posti troverete, credetemi , ad un prezzo irrisorio che a noi liguri , generalmente parsimoniosi..ha fatto venire la pelle d'oca .E qui mi permetto di sponsorizzare l'accoglienza di Dogliani ( un quarto d'ora da Barolo)e in maniera sublime l'Hotel Giardino con i magici proprietari Graziella e Savio che vi mettono a disposizione di tutto e di più, in parole povere tutto ciò che desiderate sarà esaudito......
Il clima era caldo i primi giorni questo non lo nego, ma lo si godeva tutto data l'avarizia della nostra estate e dopo una succulenta mangiata e una deliziosa pennichella ,  ci siamo fiondati nei parcheggi riservati ,una delle vere pecche di Collisioni , perchè il più vicino dista tre km. dal borgo e la circolazione è impietosa , la protezione civile , guardie e schieramento di vigili urbani impressionante, ma all'atto pratico ci vuole un'ora ( se va bene) per ritrovare l'auto, un'ora per orientarvi, e se siete fortunati , il tempo giusto per il bus navetta, che qualche volta usufruimmo sempre fortunati e mai pestati in piedi, ma spesso per il " fisico" arrivavamo nel bel mondo con i nostri suole e tacchi!!! La security del teatro principale ( spettacoli notturni) è stata fantastica, una gentilezza impressionante , sempre sotto il palco , rifornita d'acqua e panini,e pure di teloni quando si è trattato di affrontare una vera e propria catinata di pioggia e vento. Ma tutto questo fa parte del bello della diretta e vi assicuro che pur bagnata fradicia, l'adrenalina era ad un punto tale, che non mi sfiorò neppure un raffreddore...Bello essere via da casa eh? Che miracoli!


Prima serata , come apertura d'onore i Deep Purple ,sempre grandi tonici inesauribili, ammiccanti  con la loro gestualità, le centinaia di plettri regalati con strizzatine d'occhi a destra e a manca, le bacchette di Paice buttate al vento, la malizia di fare molti pezzi solisti per far riposare un po' tutti tra un brano e l'altro , lasciato spesso a metà, ma con una maestria e una professionalità che alle nuove leve fa solo fresco!!!Tutti felici e pronti per la seconda battaglia....Via con Elisa e(sotto l'occhio geloso del maritino) la sorpresa di Mario Biondi come guest star, decorosi e pieni di fans in delirio, tonica  e rockettara la ragazza  che ha dato prova di sicurezza e maestria, misurato il buon Mario sempre a disposizione...
Devo confessarvi che nel pomeriggio, mi ero già piacevolmente sciroppata un gradevole Francesco Guccini,un simpaticissimo James Ellroy che , dopo averlo conosciuto , ho giurato di sponsorizzare ogni suo scritto.Per chi è interessata, cerca la sua terza moglie in Italia con slancio davvero insolito e vi prega di non essere spaventate per la sua scrittura talvolta cruda( ma lo pagano per questo...) anzi ama pure i cani( ne possiede uno), anche perchè accarezzandolo può pensare di non essere più totalmente calvo, almeno quando scrive!Una chicca di partito, credetemi...
E come faccio a non ricordare  i giovani meno noti come il gruppo teatrale sperimentale che vi farà provare nuove sensazioni, sussurrandovi all'orecchio parole a voi consone o bendandovi e inondandovi di profumi e pasticche strane per trascinarvi a volare in un altro mondo?Come si fa a disdegnare tanta originalità, ma la storia continua, tra gruppi rock insoliti e pregevoli come i Cyborgs(adocchiati dalla faina Trotta),pinte di birra giganti, e bicchieri di vino ovunque, spiedini mostruosi e tranci di pizza dal profumo soave e ...si, il seguito alla prossima puntata, non godete tutto assieme, assaporate lentamente quello che più vi attira, dilungatevi sull'aroma e non abbiate fretta nella digestione.Appunto perchè vi adoro e non voglio annoiarvi, ci vediamo alla seconda puntata, cullati da una musica evergreen!
 A presto ragazzi...abbiate fede!

martedì 22 luglio 2014

Patience ...I'm arriving.....





Miei cari abbiate tanta pazienza..Arrivata a mezzodì in punto, finita " Collisioni" , stravolta, stanca , sciroccata..ma straordinariamente viva...al più presto , dopo aver smaltito 867 email, qualche centinaia di google+, fatto gli articoli per il giornale, arrivo a voi forse e dico forse , per ultimi , ma non ultimi e vi racconterò parecchie cose curiose e divertenti, tragiche e allegre, interessanti ed emozionanti...
 Andateci l'anno prossimo se potete , non sapete cosa perdete..un piccolo grande mondo racchiuso in un pugno..e vale la pena di aprirlo e lasciarlo scorrere libero....Vi catturerà, sarete straniti , ma tremendamente felici!
 Ci vediamo prossimamente qui, prestissimo e non dimenticatemi vi prego, ho bisogno di tutti voi e ancora di più per conitinuare a combattere....Grazie , un abbraccio stratosferico!!!
E dedico questa canzone sia a tutti voi che eravate a casa e a quelle migliaia che hanno aspettato pazientemente zio Neil sotto una bomba d'acqua, resistendo fieramente e rischiando una polmonite, per amore della musica!Ricordatemi anche voi ragazzi e ragazze , lo avete promesso e le promesse si mantengono!

giovedì 17 luglio 2014

Paolino..ci crede...



Post rapidissimo, prima della vera partenza per il lavorissimo e vedo già il mio trolley che scalpita.
 Ieri primo assaggio di lavoro, il concerto a Genova di Paolo Nutini e tralascio tutte le varie impressioni della location, dell'orario, della band di supporto perchè farei dei gran doppioni e potete benissimo leggerli su altri siti, e veniamo alle mie impressioni...e al mio resoconto viaggio e affini!
Partita da Imperia alle 17, con grande comodo, perchè l'appuntamento intervista era alle 19.Un caldo opprimente , a tratti capposo con nubi o con un sole abbagliante e il pensiero che proprio oggi doveva capitare questo gran bel clima tipicamente estivo.E pazienza , nulla si può fare contro il meteo!
 Ohh.. sono quasi arrivata, ma..incidente a Voltri, pochi kilometri dalla meta, e due ore circa esatte ferma in galleria. Arrivo trafelata senza cena, con pillole pro-vita ancora da trangugiare e guardo l'ora: le otto meno dieci...E' la fine. Corro per tutto il porto antico sotto una calura quasi irrespirabile, arrivo all'entrata artisti in fretta mi infilano un bracciale azzurro, tipo targhetta da cani e mi spingono in una stanza dove vedo altri corrispondenti, soprattutto donne munite anche loro di bracciali di colore rosso, verde e perchè io azzurro?
Un gentile signore mi spiega che si tratta dell'ordine di preferenza, quindi io sono l'ultima o dovrei essere tale.....Ecco il nostro eroe , abbastanza imbronciato, spettinato più del solito , avvolto in una giacca di pelle scura( con 80°circa!!)pantaloni strapazzati nel modo giusto, anellone d'argento,e tatuaggi con stelline.Non è di buon umore, qualcosa non va al mixer basso,qualcosa deve essere ritoccato ..chissà, mi dà uno sguardo con la massima indifferenza e chiede se ho cenato....Mi sbattono tra le mani un gigantesco bicchiere di Heineken bier e un altro gigantesco toast accompagnato da un solenne " Fuck you" che non è stato certamente l'ultimo.Paolo beve molto , birra scura,la tracanna proprio e il concerto deve iniziare alle 21 , ma sono già le 21, 30 e nulla si muove. Discorso cumulativo sulla bellezza di Genova, il piacere di essere qui,la felicità di farci ballare e intanto arrivano altre birre scure per lui e ci avviciniamo paurosamente alle 22. Tutti abbiamo capito che non è cosa per quanto riguarda le interviste individuali. Ma qui non c 'è stata neppure quella generale , tipo udienza papale.Si alza sinuoso e barcollante il nostro Nutini,va in una stanzetta misteriosa( non un bagno o chissà?)e ne esce pronto per entrare in scena..
 Sono esattamente 48 minuti di ritardo. Non si fa bello mio, non si fa soprattutto per te che hai 27 anni e sei all'inizio e sei un bravo cantante e dovresti essere serio e rispettoso, amico mio gallese. Altra pinta di birra sulla scala e via in scena con tutto distacco, ma quando attacca a cantare il mondo si ferma. Ci può essere un'orchestra sinfonica , ma quando apre e spiega la voce , basta e avanza solo lui.Non si sente altro che il cicaleccio delle ragazze che lo osannano con un" Che figo", più realistici i maschietti che lo invitano a bere meno Peroni.Sul tavolo vicino al chitarrista, c'è uno spiegamento di bevande da paura, contenuto misterioso e un grande asciugamano bianco...Faccio le mie deduzioni e non sono positive.Adoro come canta, ma permettetemi di affermare se senza qualche pillolina magica o spinellino e birra in quantità, avrebbe lo stesso mordente, la stessa carica felina ed erotica che in effetti ti prende. Suda , si tocca, gli occhi neri e bellissimi guardano l'infinito, e canta, si butta a terra , si inginocchia e ringrazia timidamente quasi , sempre in inglese ( ho sentito due grazie e un grazie mille..stop!) . Riprende , va a mille, non suda più e quasi miracolato , continua incanta sorride e finisce ..tre bis e a casa!
Sono demolita dal caldo,dalla ressa, dalle bruciature di sigarette che ho impresse sulla maglia, dai palloncini che volavano dappertutto,dallo stare in piedi sempre e dopo lungo tempo...caviglie da elefante , gambe di legno,stanchezza micidiale e riflessione: non è un paese per vecchi!!!!!!
Eh si l'ho detto finalmente io che sostengo non esiste l'età...ma in queste condizioni è come mettere la mia cagna di 17 anni a fare la maratona di NY. E io da domani ho tutto il mese o quasi senza un giorno di riposo!
Mandatemi in teatro se volete , su di una bella poltrona ,vi recensisco tutto e di più..o altrimenti fate già la colletta per una bella corona di fiori di campo..Ma non voglio manifestazioni esterne, meglio lasciare i soldi ad una associazione animalista.Siete avvisati. Se sono assente per un tempo giustificabile , non preoccupatevi, se l'assenza si prolunga, sapete già come è andata a finire. Vi voglio sempre bene! 

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.