Nuovi Talenti

Lettori fissi

............. Dall'amore spesso non nasce la musica, ma dalla musica spesso nasce l'amore!....

martedì 7 luglio 2015

Drones , Muse


Sono mezza disfatta miei cari, anche diciamo liquefatta da questa afa intollerabile che ti fa camminare, se ci riesci a mezz'aria, con mal di gola, tonsillite, febbricola e il tempo che mi sussurra che tra una settimana Collisioni, come ogni anno mi aspetta...Sto calma, ma ce la farò a riprendermi? O smette questo inferno che brucia notte e giorno , o devo gettare la spugna, ma non posso lo so e con il trolley pieno di antibiotici devo partire lo stesso...Piantiamola lì, altrimenti continuo ad essere pesante come mio solito, quando attacco con la salute e con il mood..Nota positiva, in questi pochi giorni di semi riposo , ho sentito e risentito, l'ultima fatica dei Muse, il loro settimo album , " Drones", e vi assicuro che a forza di sentirlo e risentirlo, mi piaceva sempre di più. Apprezzo questa band, ma con tutta sincerità , non mi è molto simpatica e non chiedetemi perchè, perchè non li conosco neppure benissimo. Ma ormai, chi mi segue da anni , sa che vado ad istinto, mi piace  non mi piace, ma quando sento delle belle cose , anche se la simpatia è un'altra cosa, si deve esprimere tutta la positività che ci invia!. E credetemi questo album ne invia parecchia, mi sono persino piaciute le dichiarazioni del leader Matthew Bellamy, quando parla di questo nostro mondo senza emozioni che lo spaventa,della tecnologia che uccide i sentimenti importanti e sapete che vi dico? Io gli dò ragione....
Sicuramente ogni album ha una storia, " Drones " si avvicina alle più cupe invenzioni della fantascienza. Sei un pochino distratto di solito quando incontri questo Bellamy, front -man minuto, magro , sorridente, un viso da elfo e sembra la persona giusta per raccontarti storie. Ha un segreto due perforanti occhi blu, che ho sempre sottovalutato, ma non posso dimenticare la carica che porta nei suoi concerti e la profondità dei testi delle sue canzoni, mascherati da quest'aria gentile nella normalità della vita comune. Con pazienza spiega che nel disco esistono due storie separate:la prima parte è la storia di un individuo che perde la speranza e diventa psicopatico, ma trova la forza di reagire perchè trova l'amore.Banale? Non trovo, pensateci bene, ai giorni nostri , non è cosa semplice!La seconda parte è la storia di un uomo che non trova più la forza e finisce per distruggere il mondo.L'idea principale è che esista la possibilità di una scelta, perchè la distruzione porta solo all'oblio, mentre il coraggio di reagire può anche portare alla rivoluzione.
Di solito si accomunano i droni come mezzi usati in guerra , soprattutto quando si leggono libri di questo genere, di solito droni intelligenti creati per colpire il giusto bersaglio.Ma se si pensa di vivere dentro terminator, questi stessi mezzi possono portarci alla disconnessione dei sentimenti, alla tendenza a diventare freddi, cinici e calcolatori.Indubbiamente l'evoluzione tecnologica ha portato benefici come la precisione, la produttività, a descapito dei valori umani come l'empatia ora molto meno importante.In questo album c'è meno ricerca della sonorità, meno sperimentazione elettronica, scarsi gli effetti computerizzati.In poche parole i Muse ridiventano più umani e ritornano a tutti gli effetti una band. Si sono miscelati i ricordi, chi di dolorose separazioni, chi di scelte di vita, chi di alienazione per poi riscoprire veramente se stessi. Bellamy non nasconde di essersi liberamente ispirato a Kubrick, suo regista preferito e soprattutto a " Full Metal Jacket", dove la debolezza della mente umana è spesso vittima di lavaggi di cervello uniti alla paura delle intelligenze artificiali.
Hanno intenzione di suonare per questo anno altre loro canzoni nei concerti, ma il loro desiderio è di suonare tutto " Drones" come se fosse un musical, abituando però i loro fans a poco a poco, persino agli effetti speciali che vorrebbero inserire.. Sono convinti di avere preso di nuovo la giusta confidenza con i loro strumenti, ma desiderano semplificare ancora maggiormente le loro sonorità. Qualcosa di acustico, di morbido? Una grande sfida , si vedrà , per me sono pronti, e per avere un gustoso " antipasto " del tutto chi ha la fortuna vada il 18 luglio  alle Capannelle a Roma e sappiatemi dire. Io sarò tra vigneti, buon cibo e altro tipo di musica..come sempre vi farò sapere!

venerdì 3 luglio 2015

The times they are a changing Bob!


Eccomi , stravolta, con una tonsillite in arrivo, la gola come un semaforo, la dieta di quasi una settimana, per non avere avuto neppure il tempo di mettere qualcosa sotto i denti, ma era troppo tempo che mancavo su queste pagine virtuali e vi dovevo venire a trovare , doveroso!
Questo mio stato febbrile, porterà parecchi svarioni nel racconto, ma so che voi sapete perdonare.
Il tutto inizia con il mio grande spigolo del bagno in pieno viso con occhiali inseriti , dolore mozzafiato e trucco permanente dal viola al giallo foglia autunnale....Proseguiamo con placche in gola e febbre a 41 del ragazzo di casa che bada a tutto e vigila quando io sono raminga per il mondo, con tragedie greche per trovare un sostituto,che almeno badi a lui..In parole povere: io ero la badante del badante , pagando un altro badante che badasse!!!!!.Solo oggi ci sono segni di ripresa e crollo in assoluto da parte mia.
Andata a Torino per il mio Poet( e come potevo mancarlo!), temperatura di 42 gradi con cappa umida da togliere il respiro a chiunque, arrivati con un auto antidiluviana( la mia poverella), con rumore di ferraglie per tutto il viaggio e pattuglie della stradale che rallentavano solo al vederci. Arrivati, credevamo , a destinazione logicamente errata del famoso Pala Alpitour, ex PalaOlimpico, ex Pala Izsozachi..ma perchè a Torino cambiano sempre i nomi ai palazzetti dello sport? Qualcuno del luogo mi sveli l'arcano....Giri e giretti, chiedi e non trovi un piemontese neanche per sbaglio come sempre..finalmente ci siamo. Panino  di plastica fumante e birra ghiacciata( più della fame potè il digiuno ) e incomincia l'avventura.
Puntuale come un orologio( forse tre minuti di ritardo), arriva Bob Dylan  e la band con le strette proibizioni " non foto e video..." Tanto come le faccio io, poco male!!!
Risultati immagini per bob dylan a torino 2015Ora la prima confessione personale è che io adoro quest'uomo e l'adoro per quello che è. Antipatico, opportunista, scostante, tirchio, invidioso, dispettoso,pettegolo, ma ancor oggi più morto che vivo( fisicamente parlando) affascina..e chi l'ha visto può anche capirmi.....o sono malata..Può anche essere tra il cervello e la salute!Ma se esiste una pagina internet sulle sue donne( e penso sia l'unico)dove sono elencate, stagiste, moglie, attrici famose, coriste, cantanti , ballerine, per la serie non solo basta che respiri, perchè solitamente era il sesso femminile che ne restava abbagliato qualcosa doveva avere o sbaglio?E quindi il dono dell'affascinazione esiste.Un concerto di Bob è sempre problematico,perchè è il più grande il più amato il più indispensabile: un monumento! E come tale sta sulla scena un'ora e mezza scarsa , quasi 20 canzoni,più della metà cover, molto blues , e alla fine due vecchi ricordi, completamente stravolti. Non una parola , ne in italiano( figurarsi, ne in inglese) solo due sillabe" cinque minuti di intervallo" biascicate in fretta, che diventano più di venti!Questo monumento potrebbe benissimo fermarsi e godere la propria monumentalità, no.. si muove , ( metaforicamente parlando), gambe piegate munite di stivali bianchi, completo crema con cappello e piumetta mai tolto.Si passa dal canto( voce discreta , pensavo peggio..) all'armonica mignon ( splendida) al piano , seduto in una strana posizione, perchè la schiena fa male. e una stenosi della spina dorsale , non è cosa da riderci su.E' un uomo complicato il mio Poet,   storpia il suo repertorio quasi per punirci con una ferrea volontà autodistruttiva,malagrazia naturale. Non si riconoscono le sue canzoni, convinta che lui voglia sia così! A 22 anni è una star, una bandiera , un simbolo, ma non desidera essere strumentalizzato.La chiave della vita di Bob è stata la fuga, soprattutto da se stesso, da quello sconosciuto Duluth a ora , a 74 anni, cambiando la storia del rock, del folk e del costume americano.Ora canta Frank Sinatra," lui non è qui" no comment,e ci chiediamo, è l'unico modo per farsene una ragione. Io non sono qui e non sono neppure io!Così posso descrivere questo profondo amore che ho per questo essere detestabile!Ma come si può non capirlo, io sarei molto peggio, tutti continuano a vederlo come il "menestrello della contestazione", ma lui , già tanto tempo fa , ci aveva avvisati" Times they are a-changing" e siamo cambiati anche noi e non possiamo permetterci di volerlo come un tempo. Speriamo di riascoltare quella voce , ma non è cosi', vediamo le sue rughe che sono come le nostre, Bob è lo specchio della nostra vita che ci è scivolata addosso.Io ti rispetto e ti capisco, io vado , non passo e ci sarebbero giusti motivi per farlo, s'impone una scelta di testa e di cuore questa volta.E i tanti giovani che ho visto , mi hanno dato ragione, non si può non averlo ascoltato almeno una volta, altrimenti cosa racconterete ai vostri posteri?
Sono uscita con un po' di malinconia è vero, non può più suonare la chitarra , ha una band fantastica come supporto, ho trovato la macchina con i fari di posizione accesa e la batteria scarica. Ho vagato per trovare qualcuno e a rischio di essere presa per una terrorista , ho visto un grande bianco bar aperto. Ho chiesto tanto, e ho trovato ancora di più. I ragazzi mi hanno caricato la batteria, felici, simpatici e generosi. Grazie Poet mio, so che c'è stato il tuo zampino, ti avevo davanti( nella t-shirt intendo!!) e quindi sappiate che malgrado tutto, Bob porta fortuna. Sette minuti con batteria scarica , e poi via con il rumore di lamiere a casa . Incolumi, ma oggi con febbrone..ne è valsa la pena!

domenica 28 giugno 2015

Lorenzo 2015 CC


Sapete che ho simpatia per questo ragazzo, storcete pure il naso ,ma io lo scrivo ugualmente, soprattutto quando ho anche saputo che i migliori brani di questo suo ultimo lavoro sono nati in un periodo  dove era costretto a letto e il pensiero di guarire presto ha scatenato la sua fantasia. Mi fa allegria sempre , quando sorride, fischietta, esita solo quando si entra nella sua sfera privata.E' curioso, vuol sempre sapere tutto, spia le classifiche , controlla in che posizione è il suo lavoro, è un tripudio di colori, tatuaggi, magliette spaiate e i suoi occhi di una gradazione che passa da un azzurro limpido ad un grigio a un verde mare di Sardegna. Quando gli parli, è come comprare un biglietto per un viaggio di sola andata, perchè l'ascolto di questo disco dal titolo sempre riferito al mondo delle moto, è composto da 30 inediti, un primato in assoluto per lui.Due lunghe ore di ascolto intenso, ricco , geniale( arriveranno delle critiche..le aspetto sono pronta!!!), ma l'ordine dell'ascolto sta a noi darlo, non esiste un filo conduttore..Sembra di avere davanti un vasetto di caramelle di tutte le tinte, è un prodotto buttato lì di getto in quella NY che lo ha adottato momentaneamente ,  mentre la sua broncopolmonite ( brutto affare) lo colpiva , la sua mente vagava e produceva e anche la malattia sembrava migliorare col proseguire delle canzoni. E' molto legato agli "Immortali", anima rock ma anche sgrammaticato, buttato giù in pieno delirio. L'altro pezzo passato molto in radio " Sabato" ha fatto storcere il naso a molti conservatori , ma Lorenzo pensa ai fan legati a lui da una storia d'amore, fatta anche di lieve tensione e mantenuta da spazi segreti. Non si cura se molti non lo considerano ancora un artista con la A maiuscola( forse non lo è), ha sempre voluto dimostrare qualcosa a se stesso,e i suoi dischi devono piacere alla gente che piace  a lui. Fine del discorso." Meglio seguire l'istinto di una canzone brutta, piuttosto che farne una bella a tutti i costi" questa è la sua teoria...non male!
Dopo la morte di Pino Daniele , ha sempre voglia di ricordarlo in ogni intervista, perchè fu proprio Pino a consigliarlo di lavorare sul canto e gli strumenti, lo invitò a scrivere per gli altri se aveva timore di farlo per se stesso o non si sentiva pronto, ed ecco nacque " Il cielo immenso" una bella canzone quasi sconosciuta che fece per Eros Ramazzotti e che Eros non canto' e non canterà mai. Troppo orgoglioso per farlo...
Lorenzo confessa di avere solo un punto fermo: una tenace fiducia nelle cose, "pensa positivo" di questa macchina chiamata Universo, non sa definire cosa sia l'amore, ma lo considera il colore fondamentale delle canzoni, l'elemento portante della vita. Quindi bara , anche per molte canzoni che ha scritto, e lo conosce benissimo con tutte le gioie e le sofferenze.Si preoccupa di fare sempre al meglio il suo lavoro, da bravo ragazzo qual'è, si preoccupa di fare la differenza tra lui e un artista che registra un brano, questo è il suo compito. Dopo tutto si vive in un mondo in cui per fare certi lavori non c'è più bisogno della patente, il mondo oggi è di chi se lo prende!
Passate una serena tiepida serata in conclusione di questa afosa domenica..se volete ascoltatelo, non vi farà male!

mercoledì 24 giugno 2015

L'Arcangelo


Ricominciamo a parlare di " danze passate" , d'altronde è un pochino che non lo faccio..Non ne sentite la mancanza? Che illusa che sono, ma io ci credo lo stesso, anche perchè questo è proprio un periodaccio con la tecnologia, tra la privacy,i cookies, i followers , gli avatar che saltano, il blogroll sparito nel nulla..fatemi vivere di ricordi , almeno quelli erano sereni!!!!
E parliamo per la centesima volta, non so quante volte ho ospitato Peter Gabriel in questo blog ,dell'Arcangelo Peter Gabriel. Perchè lo chiamo così? Mi rivolgo solo a lui in questo modo, ma ragazzi credetemi sulla parola, se lo si conosce almeno un pochino, questo nome gli calza a pennello.
Tralasciamo la genialità del personaggio,i suoi travestimenti particolari, perchè uno che pensa di essere un'ameba , credetemi non è comune..I suoi pezzi incredibili, le sue colonne sonore, di tutto e di più....Su questo non si discute , si sogna e basta!
Lo conobbi al tempo di POV ( Point of View), famoso DVD fatto dopo il" So" tour nel 1990 e credetemi fu una cosa memorabile. Se lo amate non potete non avere questo cimelio, perchè avrete , se non le stesse sensazioni che si possono provare dal vivo, delle vibrazioni molto simili e ci metto di nuovo la faccia! Vestito Armani, bello come il sole, occhi di un viola alla Liz Taylor, fu il primo a buttarsi letteralmente tra la folla di schiena durante il brano " Lay your hands on me", una cosa all'epoca semplicemente scioccante, perchè camminando sulle teste dei fans, veniva letteralmente spogliato dei suoi vestiti e riportato da due nerburuti body-guard, vivo , ma malconcio, sul palco. Roba da brividi! Sappiamo della fragilità psicologica di questo personaggio schivo, timido, pigro, riservato e gentile.Una lunga traversia con la prima moglie,l'allontanamento della seconda figlia( ora per fortuna rientrata nei ranghi), la decisione di abbandonare la band dei Genesis indietro tecnicamente dalle sue visioni, i suoi amori finiti male per colpa non si sa ma arrivati anche a tentativi di suicidio, questa sua eccessiva interiorità, lo aveva portato a sparire per diverso tempo. Chi lo conosce bene è abituato alle cadenze lunghe dei suoi lavori, ma il silenzio era veramente eccessivo.
Risultati immagini per peter gabriel  ovo no copyright E finalmente arrivò" Ovo", un'altra perla per farci sognare, la vittoria della natura sulla tecnologia e l'Arcangelo era tornato tra noi.Non ero sola( un'intervista troppo importante per lasciarla ad una pivella come me..), ma mi trascinarono lo stesso dietro come un pacco ingombrante, ma meno fastidioso che se mi avessero impedito di partecipare a questo incontro.E poi un portabagagli fa sempre comodo! Aspettammo in una deliziosa saletta retrò con poltrone e divanetti di vimini beige e una pianta verde enorme, che faceva bella mostra in un angolo. C'era una tazza di the ( penso) sul tavolino rotondo e queste cose le ho impresse nella mente come in un film. Vidi un signore corpulento, pelato e  tozzo, tutto vestito di nero che mi volgeva le spalle, per me un perfetto sconosciuto , ma appena lo sentii parlare,il mio cuore sobbalzò. Era Peter , impensabile! La sua voce è inconfondibile, come quando la si sente modulare un suo pezzo,bassa, quasi in falsetto , lenta. Ma chi era quella specie di bonzo che voltandosi mi si parava davanti? Un pupazzo in play-back? Lo shock fu forte, vidi solo il colore dei suoi occhi che non era cambiato affatto. Cosa era successo?Molte cose , ma tutte estremamente positive per lui. Un periodo di lungo esaurimento, ma poi l'incontro fatale con la seconda moglie molto giovane, esile figura dai capelli rossi, che gli ha dato due splendidi bambini.
 La cosa che mi colpì ancora una volta di questo straordinario personaggio, furono le sue parole conclusive:" Non ci vuole coraggio a ritornare ad essere una rock-star, o a tingersi i capelli o a fare il botulino. Il mio coraggio è stato quello di sposarmi una seconda volta, quando non ne avevo l'intenzione e ancor più avere due figli che possono benissimo essere quelli delle mie figlie maggiori"
 Un grande, un genio, un uomo!

sabato 20 giugno 2015

Soluzione quizzino Sam Smith e comunicazione di servizio...


Per non essere più tacciata di severità con questo insidioso quizzino, mi presto a darvi la soluzione, anche se qualcuno di voi , come Romualdo che merita un applauso e il premio, ha indovinato molte risposte. Non era incredibile quindi, non facile , ma come vedete anche in questa insidia siete risultati vincitori.
 Prima di darvi le soluzioni, volevo informarvi, che il signor Google o chi per esso , mi ha fatto sparire dal lay-out Blog Amici, tutti i nomi delle persone che si sono gentilmente unite al mio blog e non mi dà per ora la possibilità di aggiungerli nuovamente. Quando ce la farò sarò un duro lavoro, anche perchè spesso ho difficoltà a visualizzare negli avatar i vostri blog, quindi tra una sciagura e l'altra , vi invito per piacere se vi ricordate di inviarmi il link del vostro blog in modo tale sia più veloce per me reinserirlo e rispondervi. Grazie , mentre io mi inchino al bellissimo scherzetto che Windows 8 ,1 mi ha già largamente elargito da quando l'ho inserito!!!!
Veniamo al dunque,e rispondiamo:
1)Il nome intero del nostro eroe( sic) è Samuel Frederick Smith, e questo l'avete preso in molti
2)Ha recitato nel musical " Oh Carol!"nel 2007 mentre era ancora studente, e anche questo è stato indovinato.
3)E' fervente cattolico, anche questo mi è stato detto...
4))Lily Allen e Alfie Allen attori di "Game of Thrones" sono suoi cugini di terzo grado, difficile domanda ma indovinata a metà
5)Le sue maggiori influenze musicali sono state Amy,  Winehouse, Whitney Houston, Mariah Carey e Beyoncè.
6) Lui stesso ha rivelato di soffrire di disturbo ossessivo -compulsivo,( indovinato...)
7)Il suo primo numero è stato nella traccia"La La La" di Naughty Boy( indovinato...)
8)Nel 2013 l'EP di debutto conteneva le canzoni " Nirvana" e " Safe with me"
9)Sam ha dichiarato di aver scritto il suo album di debutto per dedicarlo ad un ragazzo che non corrispondeva il suo amore.
10)Prima di entrare nel mondo della musica, ha lavorato come addetto alle pulizie di toilette in un bar
11)E' un femminista convinto
12)E stato ospite di Taylor Swift nel tour di quest'ultima cantando" Money on my mind"
13)La cover della Houston"How will I know" è stata inserita in un episodio di "Grey's Anatomy"
14)Ha una vera passione per i libri di" Twilight" e di " Harry Potter"
E con questo anche le risposte si sono esaurite, spero di avervi fatto cosa gradita e di non avervi minimamente annoiato , con un personaggio realmente abbastanza spinoso.
 Mi permetto di offrire in maniera particolare la canzone cover della Houston che trovo molto bella a Romualdo, ma non vi impedisco di ascoltarla con piacere...Buona serata amici miei, a presto!
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.